Da Abell 168 alla fusione di galassie
loading

L'osservazione di due estesi aloni radio nell'ammasso di galassie Abell 168 potrebbe aprire nuovi orizzonti nelle dinamiche che portano alla fusione di galassie


Fonte Twin radio relics in a near-by low-mass galaxy cluster Abell 168 - arXiv (K. S. Dwarakanath (RRI), Viral Parekh (RRI), Ruta Kale)


  Abell 168   All'interno dell'ammasso galattico Abell 168 sono stati rinvenuti, a marzo 2018, due fossili radio che potrebbero dire molto riguardo la fusione di oggetti galattici. Si tratta di emissioni radio diffuse che si rinvengono in forma di archi spettacolari, singoli o doppi, nelle periferie degli ammassi galattici. Le osservazioni sono state ottenute tramite il Giant Metrewave Radio Telescope (GMRT) e il Karl G. Jansky Very Large Array (VLA). Abell 168 è un ammasso galattico di piccola massa e relativamente vicino, con massa di 152 trilioni di masse solari e le prime osservazioni radio sono state ottenute nel 2011.  Uno degli archi appare particolarmente allungato e sottile, nella zona nord periferica dell'ammasso a circa 3 milioni di anni luce dal centro dell'ammasso stesso: si estende per 2.6 milioni di anni luce circa. La seconda struttura ha una forma ad anello e una dimensione di circa 700 mila anni luce, si trova nei pressi del bordo interno.