Si riaccende il blazar
loading

Un blazar radio-weak - J1544-0649 - è stato visto riaccendersi ad alte energie: è un evento raro che verrà seguito a diverse frequenze per comprenderne i processi sottostanti


Fonte FERMI transient J1544-0649: a flaring radio-weak BL Lac - The Astrophysical Journal Letters (G. Bruni, F. Panessa, G. Ghisellini)


Non è detto che quasar spenti lo restino per sempre, anzi, il caso di J1544-0649 (tra Serpente e Vergien, a 2.7 miliardi di anni luce) è emblematico visto che dopo venti anni di silenzio questo blazar di tipo BL Lac ha dato prova di sé il 15 maggio 2017 con una violenta emissione fino allo spettro gamma. Il buco nero che alimenta l'emissione è circa cento volte più grande di SgrA*. Allo sbuffo gamma del 15 maggio è seguita un'altra emissione, in banda X, il 29 maggio: l'oggetto è stato osservato con Fermi, Swift e con il telescopio ottico San Pedro Martir Telescope. Il blazar fa parte di una classe di oggetti istanziata nel 2017 a raccogliere sorgenti come i BL Lac forti a alte energie ma debolissimi in radio (radio-weak BL Lac), ed è il primo di questi oggetti ad accendersi con un burst. A rendere ulteriormente particolare la sorgente è una variabilità di breve periodo che raggiunge un fattore cento, cosa che nei blazar non era mai stata scorta. Il processo che alimenta questo burst non è ancora noto ma le osservazioni continueranno anche in banda radio.