Quindici nuovi esopianeti per le nane rosse
loading

The Astronomical Journal riporta la scoperta di quindici nuovi esopianeti intorno a stelle di tipo nana rossa. Le caratteristiche sembrano confermare alcuni trend tra dimensione e metallicità stellare


Fonte Teruyuki Hirano et al, Exoplanets around Low-mass Stars Unveiled by K2 - The Astronomical Journal (Teruyuki Hirano, Fei Dai)


Rappresentazione di 15 nuovi esopianeti I sistemi planetari intorno alle nane rosse sembrano da tempo essere quelli più comuni (anche se attualmente i numeri giocano a favore delle stelle simili al Sole) e a febbraio 2018 la popolazione si arricchisce di ulteriori 15 esopianeti in un colpo solo. La stella K2-155, distante 200 anni luce, è in possesso di tre esopianeti di tipo SuperTerra tra i quali il pianeta d, con raggio di 1.6 raggi terrestri, potrebbe trovarsi in zona abitabile e potrebbe presentare acqua liquida superficiale, anche se le simulazioni in 3D si sono basate su assunzioni simil-terrestri del tutto aleatorie. I dati, neanche a dirlo, provengono da Kepler in missione K2, con follow-up operato dal Subaru Telescope e dal Nordic Optical Telescope in Spagna. L'assenza di pianeti giganti in orbita intorno a stelle di tipo nana rossa potrebbe essere dovuta a un fenomeno di fotoevaporazione, in grado di strappar via il guscio atmosferico dai pianeti. Sembra confermata anche la relazione tra dimensione dei pianeti e metallicità stellare, visto che pianeti con raggi superiori ai tre raggi terrestri sono presenti soltanto laddove la nana rossa è ricca di metalli.