Dalle onde di Alfvén alla corona
loading

Osservazioni congiunte di SDO e Dunn Solar Telescope mostrano in maniera chiara il legame esistente tra le onde di Alfvén e la generazione di calore nell'atmosfera solare.


Fonte Alfvén wave dissipation in the solar chromosphere - Nature Physics (Samuel D. T. Grant, David B. Jess, Teimuraz V. Zaqarashvili)


Il riscaldamento del plasma solare e il surriscaldamento della corona sono legati teoricamente, fin dal 1942, a studi di Hannes Alfvén, Nobel per la Fisica nel 1970 per studi di magnetoidrodinamica. Le onde che portano il nome di Alfvén si generano nel plasma in presenza di campo magnetico e determinano un innalzamento della temperatura, ma osservarle è decisamente complicato anche se nel 2017 le osservazioni hanno raggiunto livelli decisamente ottimali. Attraverso il lavoro congiunto di SDO (Solar Dynamics Observatory) della NASA e di Ibis installato sul Dunn Solar Telescope in New Mexico è stato possibile analizzare i maggiori campi magnetici delle macchie solari dimostrando che le onde riescono in effetti a generare il calore osservato nell'atmosfera solare. Il meccanismo alla base del passaggio di energia alla corona non è ancora noto e necessita di strumenti in grado di giungere a scale più piccole ma il legame tra onde di Alfvén e generazione di calore è oramai assodato.