Velocità radiali di GJ 9827 e pianeti al confine tra roccia e gas
loading

Tramite velocità radiali raggiunta una stima di massa per i tre pianeti di GJ 9827: le masse ottenute sono ottime per capire se esiste una soglia limite oltre la quale i pianeti sono gassosi


Fonte Magellan/PFS Radial Velocities of GJ 9827, a late K dwarf at 30 pc with Three Transiting Super-Earth - arXiv (Johanna K. Teske, Sharon X. Wang, Angie Wolfgang, Fei Dai, Stephen A. Shectman, R. Paul Bu


Come si fa a capire se un pianeta è roccioso o gassoso? Una delle più massicce e dense superTerra potrebbe trovarsi intorno alla stella GJ 9827, distante 100 anni luce in direzione dei Pesci. I pianeti potrebbero essere tre, come indicato dal telescopio spaziale Kepler/K2, con tutte le componenti più grandi della Terra. Il nostro Sistema Solare è totalmente privo di pianeti di questo tipo.  Raggio e massa possono fornire una indicazione sulla densità e quindi sulla natura, rocciosa o gassosa, dei pianeti e le misurazioni forniscono una sorta di trend: pianeti con raggi maggiori di 1.7 raggi terrestri hanno un guscio gassoso simile a quello di Nettuno mentre i pianeti con raggi minori sono di tipo roccioso come la Terra stessa.  La differenze dovrebbe risiedere nel processo di fotoevaporazione, che strappa le sostanze volatili ai pianeti dando vita a corpi di raggio minore (ipotesi, comunque, sotto test). I tre pianeti di GJ 9827 hanno raggi di 1.64, 1.29 e 2.08 raggi terrestri, abbracciando quindi il range indicato per questa separazione di tipologia. Il sistema è stato quindi monitorato tramite Planet Finding Spectrograph (PFS) per avere un range di masse possibili. Il pianeta b, il primo, dovrebbe contare otto masse terrestri, risultando così uno dei più densi mai scoperti in termini di SuperTerre, con una composizione data al 50% circa da ferro. Le masse dei pianeti c e d sono di circa 2,5 e 4 volte la massa terrestre rispettivamente, anche se l'incertezza è alta. Il pianeta d dovrebbe quindi avere un guscio volatile molto spesso mentre per il pianeta c non si riesce ancora a trarre conclusioni.