Un guscio a nascondere ASASSN-15no
loading

Una supernova nascosta dal guscio di materiale strappato a una stella compagna di un sistema binario: svelato il mistero legato alla particolare luce di ASASSN-15no


Fonte ASASSN-15no: The Supernova that plays hide-and-seek - Monthly Notices of the Royal Astronomical Society (S. Benetti, L. Zampieri, A. Pastorello, E. Cappellaro, M. L. Pumo, P. Ochner, L. Tomasella, M.


Il punto di apparizione di ASASSN-15no A volte le supernovae evidenziano comportamenti insoliti che potrebbero far pensare a eventi eccezionali, ma molto spesso si tratta di fenomeni ottici legati all'ambiente in cui una stella va a collassare. E' il caso della supernova ASASSN-15no, esplosa 500 milioni di anni fa nel Bifolco e che ha cambiato modo di apparire più di una volta. La stella esplosa apparteneva, infatti, a un sistema binario stretto, con la stella secondaria in avvicinamento alla primaria fino al punto di creare, con la propria atmosfera, un involucro di gas a circondare entrambe le stelle, con un guscio di 3000 raggi solari. In questa situazione, la stella primaria è esplosa come supernova ma la luce che si è vista non è stata quella dirette dell'esplosione, bensì quella del guscio riscaldato fino a 14 mila gradi e raggiunto dall'esplosione a distanza di due giorni dall'evento, con i resti di supernova a viaggiare a 20 mila chilometri al secondo. Lentamente il guscio si è poi dissolto lasciando che la luce dominante divenisse, stavolta, quella del resto di supernova.