L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Van Allen: buone notizie dalla fascia interna

Fasce di Van Allen prima, durante e dopo una tempesta solare

Fasce di Van Allen prima, durante e dopo una tempesta solare

Le Fasce di Van Allen sono zone di radiazione che circondano la Terra e, sebbene siano state scoperte da più di cinquanta anni, la loro comprensione è ancora abbastanza limitata, il che rappresenta un problema visto che si tratta di una radiazione molto alta e pericolosa per i voli umani. Molto energetica, quindi, ma non come si riteneva fino a oggi. 

In presenza di tempeste solari che spediscono verso Terra particelle altamente energetiche, la fascia più esterna si presenta molto elastica, comprimendosi ed espandendosi in base alla pressione ricevuta. La fascia più interna, invece, si presenta più stabile in fatto di dimensioni ma, qui sta la notizia, non in termini di energia. 

Finora non si è mai riusciti a separare la radiazione dovuta ai protoni da quella legata agli elettroni altamente energetici e questo ha indotto a supporre che entrambi i fattori fossero presenti in maniera massiccia. Per la prima volta, la strumentazione a bordo delle Van Allen Probes (MagEIS) è invece riuscita a separare le due sorgenti energetiche scoprendo che, in assenza di sollecitazioni esterne, la presenza di elettroni altamente energetici nella fascia interna è davvero molto limitata. Si può quindi pensare a una fascia interna come composta essenzialmente da protoni e da elettroni a bassa energia. Soltanto la pressione del vento solare, in particolari casi come quello del giugno 2015, può riuscire a spingere elettroni ad alta energia in questa zona, il che rappresenta senza subbio una bella notizia per i viaggi umani, a condizione di riuscire a studiare e prevedere lo space weather.

La fonte è Phys.org


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
27/04/2017 - Cambia la scala ma non il processo nel Sole - Uno studio condotto dal Goddard e dalla Durham University mostra come i getti coronali e le espulsioni di massa coronale siano in realtà fenomeni inne...
08/05/2017 - L'origine dell'ossigeno molecolare della 67P - Un ingegnere chimico specializzato in chip per computer e smartphone trova la soluzione all'origine dell'ossigeno molecolare sulla cometa 67P: questio...
09/05/2017 - Le tempeste solari invisibili - Una simulazione e i dati di STEREO e di SOHO forniscono la giusta spiegazione all'invio, da parte del Sole, di particelle energetiche prive di qualsia...
18/05/2017 - Campo magnetico solare in alta atmosfera - Per la prima volta, tramite osservazioni multifrequenza e misura della polarizzazione, è stato possibile osservare direttamente il ruolo dei campi mag...
22/05/2017 - Simulazioni alla ricerca della previsione del Sole - La previsione dello Space Weather è sempre più importante: nuovi modelli matematici complessi spacchettano il campo magnetico solare giungendo a buone...
01/06/2017 - Parker Probe, il nuovo Icaro - Lancio previsto a Luglio 2018 per la nuova sonda solare della NASA che andrà a sfidare la temperatura della corona solare con 7 flyby a 1400 gradi. ...
07/06/2017 - I miniflare delle nane rosse nei dati di GALEX - Terabytes di dati ottenuti da GALEX per lo studio dell'evoluzione galattica si rivelano fondamentali per comprendere l'attività delle nane rosse e le ...
25/06/2017 - CME: meno prevedibili del previsto - Uno studio della University of Reading mostra come la struttura dei CME non risponda al vento solare come una bolla unica, il che rende molto più diff...
28/06/2017 - Sole, si va verso il minimo - Il nostro Sole si appresta alla fase di minimo, prevista tra il 2019 e il 2020: conseguenze sulla protezione terrestre e anche sui detriti spaziali...
04/07/2017 - Il Sole che cambia - Novità dal Sole: lo strato a maggiore attività magnetica si assottiglia, la rotazione a 60° di latitudine rallenta mentre si studia l'origine dei flar...
13/07/2017 - Una regione attiva di passaggio - il Solar Dynamics Observatory della NASA riprende il transito di una enorme regione attiva presente a metà luglio sul disco solare...
14/07/2017 - Il Sole è in media anche tra le stelle solari - I cicli solari che sembravano una anomalia della nostra stella sono in realtà un fenomeno dipendente da tasso di rotazione e luminosità, per tutte le ...
17/07/2017 - La quiet corona durante un ciclo solare - Uno studio di nicchia, concentrato nella regione più calma della corona solare, con misurazioni prese per un ciclo solare quasi intero: una relazione ...
16/05/2017 - Svelata l'origine dei flash dalla Terra - Presenti nelle immagini di DSCOVR così come in quelle della sonda Galileo, i flash che appaiono sulla Terra derivano dal riflesso operato da cristalli...
19/05/2017 - Titano, più Marte che Terra - L'analisi topografica di Titano mostra come le strutture presenti, in grado di influenzare i corsi di acqua, siano più simili per formazione a quelle ...
07/06/2017 - Aumento di bolidi, aumento del rischio - Uno studio dell'Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca mostra la presenza di nuovi potenziali oggetti pericolosi per la Terra, legati all'aumen...
21/06/2017 - Space debris: arriva l'idea della calamita - Una calamita per attrarre o spingere i detriti spaziali verso orbite sicure oppure in modalità deorbit: questa la nuova idea per ripulire lo spazio in...

Prossima diretta

Alla scoperta della Terra 2.0

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 05:55, T: 20:38
Distanza 1.01586 UA


Luna
S: 04:47, T: 19:46
Fase: 1% (Cal.)

Satelliti principali

ISS (ZARYA)
Accadde Oggi
  • (1962) - Lanciata la Mariner 1 verso Venere (fallimento)
Gallery utenti

Partner

International Physicist Network

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui