L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Una supernova superluminosa che spazza metalli

Supernova

Supernova

A pochi giorni dai dati riguardanti la supernova superluminosa DES15E2mlf, ecco un'altra supernova superluminosa che esplode in un ambiente molto simile alla nostra Galassia anziché in un ambiente che, statisticamente, sembrava più accogliente come quello delle piccole galassie nane. L'appartenenza ripetuta di questi eventi alle galassie nane aveva lasciato pensare che la presenza di metalli potesse remare contro ai processi alla base delle supernovae superluminose, ma le recenti scoperte necessitano evidentemente di maggiori approfondimenti. 

Stavolta la supernova in esame è la SN 2017egm, esplosa al termine della vita di una stella in una galassia distante 420 milioni di chilometri da noi ed è proprio questa "vicinanza" che rende l'evento così interessante agli scienziati dello Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics a Cambridge. L'esplosione è stata scoperta il 23 maggio 2017 dal satellite GAIA dell'ESA ed è stata poi seguita tramite il Nordic Optical Telescope

La galassia di appartenenza è ricca di metalli, a indicare la prima prova osservativa diretta di un ambiente simile a contorno di una supernova superluminosa. Non solo: lo studio supporta l'idea che al centro possa essere rimasta una stella di neutroni a rapida rotazione e altamente magnetizzata, una magnetar quindi, in grado di alimentare la quantità di luce generata. Luminosità e proprietà della magnetar sembrano in linea con le altre esplosioni dello stesso tipo, ma la quantità di massa espulsa sembra inferiore rispetto alla media a indicare che la stella potrebbe aver perso più massa durante le fasi precedenti l'esplosione. 

I metalli sembrano quindi gocare un ruolo limitato nella determinazione della luminosità di una supernova, ma resta il fatto che ad oggi si tratta di ambienti statisticamente meno privilegiati per questi oggetti. 

La fonte è Northwestern University

 


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
12/12/2017 - Quattro stelle più vicine, una categoria a rischio - I dati di GAIA fanno rivedere le distanze per quattro stelle variabili azzurre, scoprendole enormemente più vicine e quindi non così luminose...
16/11/2017 - Gaia1, un ammasso aperto di natura galattica - L'analisi spettrografica dell'ammasso aperto Gaia1, di recente scoperta, indica una natura galattica contrariamente a quanto ipotizzato finora. A parl...
06/10/2017 - Una nube di neutroni che si riaccende - Una survey congiunta a diverse lunghezze d'onda riesce a mostrare come una nube di elettroni all'interno dell'ammasso Abell 1033 si sia riaccesa in se...
13/11/2017 - Il moto del gas dell'ammasso del Perseo - Hitomi, sebbene sia stato operativo per poco tempo, è riuscito a misurare la velocità del moto del gas caldo presente nell'ammasso galattico del Perse...
07/11/2017 - Il vaso di Pandora mostra 76 nuove UDG - Un nuovo censimento di galassie ultradiffuse UDG all'interno dell'ammasso Abell 2744 svela altri 76 oggetti. Nell'Ammasso si contano ora ben 2100 UDG...
11/12/2017 - Ricette di Cosmologia - I Buchi Neri - buchi neri la vittoria della gravita della materia...
11/12/2017 - LA NASCITA DELLE STELLE parte II - Nella fase finale della nascita di una stella, si va incontro a fasi turbolente e anche spettacolari che contribuiscono a celare la protostella nella ...

Prossima diretta

Corso di Astrofotografia on line

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 07:30, T: 16:39
Distanza 0.98431 UA


Attività solare real time

Luna
S: 02:35, T: 14:12
Fase: 12% (Cal.)

Satelliti principali

ISS (ZARYA)
Accadde Oggi
  • (2012) - La sonda Chang'e sorvola l'asteroide Toutatis
Gallery utenti

Partner

International Physicist Network

Rigel Astronomia

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui