L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Una nube di neutroni che si riaccende

Abell 1033 visto a diverse lunghezze d'onda

 

Un ammasso galattico chiamato Abell 1030 posto a 1,6 miliardi di anni luce, nel Leone Minore, caratterizzato - tra migliaia di componenti - da una coppia di galassie in fase di fusione. Un ammasso che nel 2015 è stato sotto il tiro di Chandra X-ray Observatory della NASA, del Westerbork Synthesis Radio Telescope dei Paesi Bassi, del VLA e della Sloan Digital Sky Survey (SDSS) per ricreare ciò che sembrava accadere. E cosa accadeva?
Il buco nero supermassivo che risiede al centro dell'ammasso ha liberato, milioni di anni fa, una nube di elettroni in un'area di centinaia di migliaia di anni luce, che con il tempo va spegnendosi (perdendo energia) sempre più. Fino a quando qualcosa ha provveduto a "riaccendere" questa nube, facendole riprender vita come la fenice fino a emettere nello spettro radio. 
La motivazione sembra risiedere in una collisione con un altro ammasso galattico, con onde d'urto in grado di attraversare la nube di elettroni, scuotendola e quindi fornendole energia. In genere queste "rinascite" durano poche decine di milioni di anni quindi gli astronomi ritengono di avere una immagine di un fenomeno molto recente.
 
Abell 1033
 
Lo scenario è stato continuamente tenuto sotto osservazione scovando ulteriori dettagli durante una campagna portata avanti dalla ASTRON tramite l'Indian Giant Metrewave Radio Telescope e il Low Fraquency Array (LOFAR): una delle galassie lascia una coda di gas durante il movimento nell'ammasso e, come per gli aerei di passaggio, l'aspettativa era quella di vedere la coda affievolirsi a partire dai tratti lasciati per primi. La sorpresa risiede invece nel fatto che la parte più estrema anziché diradarsi è più luminosa di quella centrale. Una spiegazione ancora non c'è anche se il fatto che la zona più esterna vada a coincidere con la parte centrale dell'ammasso può far pensare che l'energia sviluppata dalla fusione galattica sia finita nel ringiovanimento della coda (Science Advance, Ottobre 2017).
 

Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
06/06/2018 - Oggetti G: una popolazione intera? - La nube G2 che passando vicino al buco nero galattico avrebbe dovuto mostrare fuochi artificiali si è rivalata un "flop" dal punto di vista dello spet...
26/03/2018 - Il buco nero che blocca la formazione stellare - Francesco Tombesi, ricercatore alla NASA e associato INAF, insieme al suo team di astrofisici, è riuscito a dare una spiegazione all'interruzione dell...
18/06/2018 - Ancora su 3C 279, il burst gamma più potente - Un video su gentile concessione di Youtube per rappresentare il burst gamma più potente, proveniente dal blazar 3C 279...
13/06/2018 - GW150914 ha davvero creato un buco nero? - Uno studio, condotto in un team al quale ha partecipato Paolo Pani, mostra come l'oggetto derivato dalla fusione di due buchi neri potrebbe non essere...
18/06/2018 - Finalmente un buco nero intermedio? - Una analisi delle distanze stellari all'interno dell'ammasso globulare 47 Tucanae porta alle prime indicazioni concrete sull'esistenza di un buco nero...
29/05/2018 - Le modulazioni di una stella distrutta - Uno strano pattern di luminosità in banda ottica e ultravioletta seguito, a distanza di un mese, da uno stesso pattern in banda X: la morte stellare p...
10/04/2018 - Terza onda gravitazionale per LIGO - Il 4 gennaio 2017 l'interferometro LIGO scova la terza onda gravitazionale: a determinarla, la fusione di due buchi neri per formarne uno di 49 masse ...
01/06/2018 - Un'onda "di luce": fusione di stelle di neutroni - Per la prima volta, una fusione di stelle di neutroni unisce l'astronomia gravitazionale a quella elettromagnetica. Un lampo e un'onda dalla galassia ...
06/04/2018 - Primo indizio per una nuova interazione oscura? - Una interazione tra quattro galassie con un ritardo nel cammino della materia oscura potrebbe essere l'apripista per una nuova modalità di interazione...
25/04/2018 - Fusioni galattiche e morfologia - Riprendendo un articolo del 2014, una simulazione mostra come le fusioni galattiche non portino essenzialmente a galassie ellittiche. Dipende tutto da...
30/04/2018 - Il campo magnetico sul ponte delle Nubi - Per la prima volta, tramite analisi dei segnali radio di galassie di background, un team di astronomi è riuscito a provare l'esistenza di un presunto ...

Prossima diretta

Una costellazione sopra di noi: Draco

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 05:35, T: 20:48
Distanza 1.01621 UA


Attività solare real time

Luna
S: 11:58, T: 00:44
Fase: 45% (Cresc.)

Satelliti principali

Accadde Oggi
  • (1668) - sciame meteorico a Vago, vicino Verona, con 227 Kg di materiale ritrovato
Gallery utenti

Partner

Peter Pan Onlus

International Physicist Network

Rigel Astronomia

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui