L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Un doppio evento di distruzione stellare

Rappresentazione di una distruzione mareale

Rappresentazione di una distruzione mareale

Saranno anche fenomeni rari, ma di recente tengono banco: il Palomar Observatory posto a San Diego, California, ha individuato due eventi di distruzione marale (Tidal Disruption Events - TDE), fenomeni che si verificano quando una stella passa troppo vicina al buco nero supermassiccio present all'interno della galassia ospite, venendo distrutta dalla forza di marea sprigionata da questo ultimo. I detriti  stellari "piovono" sul buco nero e la radiazione viene osservata dalle regioni più interne del disco di accrescimento

Il primo TDE è stato identificato negli anni Novanta come sorgente estemporanea a raggi X morbidi, durante la survey ROSAT. Le scoperte in questione riguardano invece l'intermediate Palomar Transient Factory (iPTF) che utilizza il telescopio da 1.2 metri al Palomar Observatory. 

Gli eventi sono datati 20 maggio e 29 agosto 2016 e sono battezzati iPTF 16axa e iPTF 16fnl, confermati da osservazioni di follow-up operate tramite Swift, telescopio spaziale della NASA. il primo evento è stato osservato 49 giorni dopo la distruzione: una curva di luce priva di evoluzione e con una temperatura costante di 30 mila Kelvin all'interno di una galassia SDSS il cui buco nero si stima in 40 milioni di masse solari. Swift ha confermato il TDE escludendo azioni da parte di AGN. Il secondo evento si è verificato in Markarian 950 a opera di un buco nero meno massiccio, circa 2 milioni di masse solari, con forte emissione ultravioletta e una temperatura di 19 mila Kelvin. Si tratta dell'evento più vicino mai studiato (66.6 Mpc), con il minor tempo di decadimento (15 giorni) e con il picco di luminosità tra i più bassi mai registrati.

La fonte è Phys.org


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
30/10/2017 - Ricette di Cosmologia - I Buchi Neri - buchi neri la vittoria della gravita della materia...
06/10/2017 - Una nube di neutroni che si riaccende - Una survey congiunta a diverse lunghezze d'onda riesce a mostrare come una nube di elettroni all'interno dell'ammasso Abell 1033 si sia riaccesa in se...
03/11/2017 - LA NASCITA DELLE STELLE parte II - Nella fase finale della nascita di una stella, si va incontro a fasi turbolente e anche spettacolari che contribuiscono a celare la protostella nella ...
04/10/2017 - La stella di Tabby alla prova del nove - La curva di luce della stella di Tabby sembra indicare l'inizio di un altro periodo di bassa luminosità. Tutti pronti alle osservazioni sperando di co...
16/11/2017 - Gaia1, un ammasso aperto di natura galattica - L'analisi spettrografica dell'ammasso aperto Gaia1, di recente scoperta, indica una natura galattica contrariamente a quanto ipotizzato finora. A parl...
03/11/2017 - Un'onda "di luce": fusione di stelle di neutroni - Per la prima volta, una fusione di stelle di neutroni unisce l'astronomia gravitazionale a quella elettromagnetica. Un lampo e un'onda dalla galassia ...

Prossima diretta

Da Zero a Oort p.4

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 07:06, T: 16:45
Distanza 0.98798 UA


Attività solare real time

Luna
S: 07:38, T: 17:48
Fase: 1% (Cresc.)

PIANETI VISIBILI

Urano - Alt. 57°
Tramonta: 04:28Mappa

Nettuno - Alt. 24.5°
Tramonta: 00:44Mappa

Satelliti principali

Accadde Oggi
  • (1972) - lanciato SAS-2 per l'astronomia delle alte energie
Gallery utenti

Partner

International Physicist Network

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui