L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Supernovae da record

Nuovo tipo di Supernova Ia

Nuova Supernova Ia

Una nuova supernova Ia, nascosta dietro un ammasso galattico chiamato MOO J1014+0038 ma messa a nudo dall'effetto di lente gravitazionale applicato dall'ammasso stesso. Un team di astronomi dello Space Telescope Science Institute a Baltimora ha utilizzato la grande massa dell'ammasso per rivelare la presenza di questa nuova supernova Ia, nata da un sistema binario nel quale una delle due stelle è una nana bianca.

Il team ha monitorato dodici ammassi di galassie con la WFC3 di Hubble Space Telescope durante il Supernova Cosmology Project "See Change" scoprendo una interessante candidata a redshift 2.2. Sono seguite osservazioni tramite HST e lo spettrografo X-Shooter installato sul VLT di ESO per confermare la natura di supernova Ia

I dati indicano in realtà un 99% di probabilità che possa trattarsi di SN Ia e di un 1% che possa trattarsi di un nucleo stellare collassato. 

La supernova si chiama SN SCP16C03 ed è l'esemplare a maggiore redshift mai ottenuto a oggi, nonché la supernova più amplificata da un effetto di lente gravitazionale (2.8 di magnitudine aggiunta).

Supernova DES15EDmlfE' invece una supernova derivante dal collasso stellare la supernova superluminosa catturata in una galassia distante 10 miliardi di anni luce, una tra le più distanti mai scoperte. L'esplosione ha avuto una luminosità pari a quella di 100 miliardi di stelle galattiche messe insieme e si è verificata 3.5 miliardi di anni dopo il Big Bang, quando il tasso di formazione stellare era al picco. 

Le supernovae superluminose brillano più delle tipiche di un fattore che va da 10 a 100 e derivano dal collasso di stelle massicce. Ancora non è noto, però, quale tipo di stella sia in grado di portare a una luce così intensa. La supernova è chiamata DES15E2mlf ed è stata scoperta a Novebre 2015 dalla Dark Energy Survey (DES), tramite il telescopio Blanco da 4 metri a Cerro Tololo. 

Cosmologicamente è fondamentale capire come le stelle possano esplodere nel tempo in cui è stata osservata questa supernova, durante il periodo del boom di formazione stellare, anche per comprendere come questi fenomeni possano arricchire il mezzo interstellare. Le precedenti supernovae superluminose erano state osservate in galassie piccole o galassie nane, meno ricche di metalli rispetto alle galassie più massicce. Stavolta la galassia ospite è invece abbastanza massiccia. Le stelle con pochi metalli tendono a mantenere una quantità di materia maggiore durante l'esplosione e questo potrebbe portare a luminosità maggiori, quindi trovare DES15E2mlf in una galassia ricca di metalli va contro la teoria dominante. 

La fonte è arXiv e Monthly Notices of the Royal Astronomical Society

 


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
20/06/2018 - Quale destino per il nostro universo? - i tre modelli di espansione dell'universo pensati da Alex Fridman e provati da Hubble e Penzias e Wilson, una indicazione per il destino del cosmo...
04/06/2018 - LA NASCITA DELLE STELLE parte I - La nascita delle stelle e' stato un argomento che solo negli ultimi anni ha avuto una evoluzione notevole grazie allo studio delle regioni di formazio...
07/05/2018 - Cosa crea le blue stragglers - Uno studio pubblicato su The Astrophysical Journal e basato sulle osservazioni di Hubble Space Telescope fa luce sul processo che fa ringiovanire alcu...
12/07/2018 - Costante di Hubble, resta la discrepanza di Planck - Nuove misurazioni basate sulle lenti gravitazionali osservate da Hubble portano a un calcolo della Costante di Hubble ancora in disaccordo con quanto ...
16/07/2018 - LENTE GRAVITAZIONALE - Uno degli strumenti più potenti per l'osservazione dell'universo primordiale è dato dalle lenti gravitazionali, effetti della Relatività Generale di E...
25/04/2018 - Fusioni galattiche e morfologia - Riprendendo un articolo del 2014, una simulazione mostra come le fusioni galattiche non portino essenzialmente a galassie ellittiche. Dipende tutto da...
30/04/2018 - LA NASCITA DELLE STELLE parte II - Nella fase finale della nascita di una stella, si va incontro a fasi turbolente e anche spettacolari che contribuiscono a celare la protostella nella ...
29/06/2018 - Si scava nella storia di SN1987A - Osservazioni radio a elevata risoluzione consentono di indagare sulle regioni più interne della supernova del 1987, scoprendo caratteristiche delle fa...
29/05/2018 - Le modulazioni di una stella distrutta - Uno strano pattern di luminosità in banda ottica e ultravioletta seguito, a distanza di un mese, da uno stesso pattern in banda X: la morte stellare p...
11/07/2018 - Non un buco nero grande ma un grande disco - Osservazioni tramite il Subaru Telescope mostrano come alla base delle ULX non sia un buco nero di dimensioni enormi ma un processo legato al disco...
06/06/2018 - Il target di New Horizons potrebbe essere binario - Una occultazione stellare da parte di 2014 MU69 rivela una forma molto allungata per il KBO che verrà visitato dalla New Horizons, una forma compatibi...
03/07/2018 - Un'onda "di luce": fusione di stelle di neutroni - Per la prima volta, una fusione di stelle di neutroni unisce l'astronomia gravitazionale a quella elettromagnetica. Un lampo e un'onda dalla galassia ...
18/06/2018 - Finalmente un buco nero intermedio? - Una analisi delle distanze stellari all'interno dell'ammasso globulare 47 Tucanae porta alle prime indicazioni concrete sull'esistenza di un buco nero...
26/06/2018 - La Materia Mancante - La materia oscura, componente ignoto ma determinante nell'universo. La sua natura e gli studi per dimostrarne l'esistenza...
06/06/2018 - Oggetti G: una popolazione intera? - La nube G2 che passando vicino al buco nero galattico avrebbe dovuto mostrare fuochi artificiali si è rivalata un "flop" dal punto di vista dello spet...
11/07/2018 - Cento miliardi di nane brune galattiche - Una stima basata sull'osservazione di ammassi stellari porta un team della University of Lisbon al numero di cento miliardi di nane brune presenti nel...

Prossima diretta

Occhi al Cielo di Luglio 2018

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 05:55, T: 20:38
Distanza 1.0158 UA


Attività solare real time

Luna
S: 17:11, T: 02:27
Fase: 87% (Cresc.)

PIANETI VISIBILI

Marte - Alt. 22.4°
Tramonta: 06:08Mappa

Saturno - Alt. 13.4°
Tramonta: 04:01Mappa

Urano - Alt. 21.8°
Tramonta: 13:54Mappa

Nettuno - Alt. 35.2°
Tramonta: 09:57Mappa

Satelliti principali

ISS (ZARYA)

Accadde Oggi
Per oggi non risultano presenti particolari ricorrenze.

Gallery utenti

Partner

Peter Pan Onlus

International Physicist Network

Rigel Astronomia

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui