L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Spiegata la magnetizzazione delle rocce lunari

Rocce lunari riportate dall'Apollo

Le missioni Apollo hanno riportato dalla Luna circa 381 chilogrammi di rocce, qualcosa in grado di dare risultati per decenni e infatti è, ancora oggi, ciò che accade. 

Uno dei misteri più fitti, finora, ha riguardato il fatto che queste rocce apparissero magnetizzate: non si trattava di un campo magnetico attuale ma di un magnetismo fossile, con l'azione magnetica cessata circa 3 miliardi di anni fa. La Luna, quindi, fino a 3 miliardi di anni fa aveva un campo magnetico ma cosa lo alimentasse e, soprattutto, cosa ha potuto far sì che questo magnetismo fossile rimanesse ancora oggi, è un mistero. 

All'Astromaterials Research and Exploration Science (ARES) della NASA cercano risposte e la presenza di una dinamo interna generatrice di campo magnetico, come avviene sulla Terra, è la tesi più percorsa. La Luna aveva un nucleo fluido in rotazione in grado di alimentare un proprio campo magnetico: il problema è comprenderne la composizione per poter spiegare come mai si sia spento così presto e come mai i suoi effetti siano così longevi. 

Interno della Luna primordiale, rappresentazione

Un articolo pubblicato su Earth and Planetary Science Letters spiega come siano state tentate diverse combinazioni di composizione, da sottoporre poi a temperature e pressione tipiche della Luna primordiale. Sono state poi apportate variazioni a queste condizioni al fine di simulare l'evoluzione lunare. Ciò che ne è derivato è un nucleo formato in prevalenza di ferro e nichel, con abbondanze di zolfo e carbonio molto più basse di quanto finora non fosse ritenuto valido, relativamente pari a 0.5% e 0.375% del peso totale. Un nucleo simile, stando alle simulazioni, sarebbe in possesso di un punto di fusione molto alto e avrebbe iniziato a cristallizzare molto presto nella storia lunare, fornendo il necessario calore a alimentare la dinamo e a fornire un campo magnetico potente. Il nucleo si sarebbe freddato arrestando poi il processo di dinamo, il che spiegherebbe benissimo i tempi ma anche la sismicità che vediamo oggi sulla Luna.

La fonte è Earth and Planetary Science Letters

 


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
24/07/2017 - Un mantello lunare da bere - L'analisi delle rocce presenti sul suolo lunare sembra avallare l'idea risalente alle rocce riportate dalle missioni Apollo, che vedono un mantello lu...
31/07/2017 - Formazione della Luna: un bel tira e molla - La formazione del nostro satellite non smette di far parlare: a difesa della teoria di Theia sembra giocare la dinamica di isotopi del gallio, vaporiz...
26/07/2017 - Aurore polari da ascoltare - E' vero, le aurore polari si accompagnano a suoni generati dal campo magnetico a soli 70 metri di altezza e non alle altezze in cui si generano le luc...
10/10/2017 - Corona solare, tra ferro e nanoflares - I dati ottenuti dal Solar Dynamics Observatory evidenziano una variazione nella composizione chimica della corona solare durante il ciclo di attività ...
07/08/2017 - Campi magnetici contro l'efficienza stellare - Dalla polarizzazione dei filamenti a quella dei nuclei più densi di formazione stellare: il motivo della mancata efficienza nel processo che genera nu...
20/07/2017 - Per Hubble, Marte e Phobos - Durante 22 minuti di ripresa di Marte, Hubble Space Telescope riesce a raccogliere la luce della piccolissima luna Phobos ripercorrendone il tratto or...
24/07/2017 - I venti notturni di Venere - L'analisi dei dati di Venus Express, e di VIRTIS in particolare, mostrano un pattern di venti molto più vario nel lato notturno di Venere, lasciando l...
27/07/2017 - Cassini, da Titano alla chimica prebiotica - Il ritrovamento nell'atmosfera di Titano della chimica prebiotica può dire molto sullo sviluppo della vita sul nostro pianeta. Nuovo successo di Cassi...
30/07/2017 - Una cometa per il cacciatore di supernovae - La survey dedicata alla scoperta di fenomeni transitori come le supernovae si imbatte nella prima scoperta di una cometa, probabilmente a causa di un ...
30/07/2017 - Asteroidi: tra simulazioni e flyby imprevisti - Mentre un asteroide "sfiora" la Terra senza essere visto, la NASA dà vita a una simulazione su un oggetto già noto al fine di testare le attuali modal...
02/08/2017 - Venere del passato: possibilità di oceano - Le simulazioni portate avanti in Francia evidenziano che anche Venere, in passato, potrebbe aver ospitato un oceano di acqua superficiale, sotto deter...
06/08/2017 - Un sistema di nubi equatoriale su Nettuno - Da Giugno a Luglio, osservato su Nettuno un sistema di nubi estremamente grande, duraturo e stranamente a latitudini molto basse. ...
06/08/2017 - La più antica famiglia asteroidale - Il Southwest Research Institute trova gli appartenenti alla famiglia di asteroidi più antica finora conosciuta nella Fascia Principale degli Asteroidi...
07/08/2017 - Il target di New Horizons potrebbe essere binario - Una occultazione stellare da parte di 2014 MU69 rivela una forma molto allungata per il KBO che verrà visitato dalla New Horizons, una forma compatibi...

Prossima diretta

International Physicists Network

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 07:25, T: 18:25
Distanza 0.99617 UA


Luna
S: 04:42, T: 17:36
Fase: 1% (Cal.)

PIANETI VISIBILI

Urano - Alt. 55.6°
Tramonta: 07:45Mappa

Nettuno - Alt. 19.2°
Tramonta: 03:56Mappa

Satelliti principali

ISS (ZARYA)
Accadde Oggi
  • (1786) - W. Herschel scopre NGC 206 in M31
Gallery utenti

Partner

International Physicist Network

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui