L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Sedici quasar a redshift superiore a 5

Grafico dei quasar e delle distanze
 
Una delle sfide maggiori per la cosmologia moderna è arrivare lontano, arrivare a studiare quasar ad alto redshift in modo da ottenere informazioni fondamentali sul primo universo, sul mezzo intergalattico dell'epoca, sull'evoluzione dei quasar stessi e sulla crescita dei buchi neri supermassicci. 
Andare a scovare quasar con redshift maggiori di 5 è quindi arduo: di trecentomila quasar scoperti a oggi soltanto 290 hanno redshift maggiori di 5 mentre il maggiore interesse è per quelli il cui redshift viaggia tra 5.3 e 5.7.  
Un team della Peking University in Cina ha sviluppato una nuova tecnica basata su dati ottici e infrarossi di SDSS, UKIRT, ULAS, VISTA e WISE raggiungendo la luce di 16 nuovi quasar a distanze comprese nel range cercato tramite osservazioni portate avanti tra Ottobre 2014 e Novembre 2015. 
J113414.23+082853.3, ad esempio, si trova a redshift 5.69 e mostra una fortissima linea di emissione Lyman-alpham con forte assorbimento da parte del mezzo intergalattico. J152712.86+064121.9 si trova a 5.57 e mostra una emissione Lyman-alpha molto più debole, ma nonostante questa debolezza è stato possibile risalire alla stima del redshift, sebbene con un margine di errore più alto. 
Oggetti posti a simili distanze sono fondamentali per lo studio del mezzo intergalattico post-reionizzazione, fornendo condizioni limite ai modelli riguardanti parametri come la temperatura intergalattica, metallicità, impatto dell'elio reionizzato.
Il team ha ora in programma la pubblicazione di un altro articolo con un campione più ampio di quasar.
 
La fonte è Phys.org

Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
17/07/2017 - L'equilibrio tra gas in arrivo e stelle in uscita - Simulazioni alla Swinburne University of Technology mostrano come il punto di equilibrio tra la quantità di gas in entrata nelle prime galassie e il t...
26/07/2017 - Proto-ammassi globulari a 12 miliardi di anni luce - Gli ammassi globulari sono tra gli oggetti più affascinanti. belli e misteriosi: l'osservazione di proto-globulari a inizio universo potrebbe chiarire...
07/08/2017 - Mini-buchi neri che uccidono le stelle di neutroni - Nulla di comprovato, ma la presenza di mini-buchi neri di derivazione primordiale potrebbe spiegare tante cose: dai metalli pesanti alla mancanza di s...
12/07/2017 - Una reionizzazione iniziata molto presto - L'osservazione di diverse piccole galassie a formazione stellare avvolte in una nebbia di idrogeno neutro, insieme ad altre immerse in gas ionizzato, ...
28/06/2017 - Sono le stelle che fanno scintillare i quasar - Osservazioni radio e tramite il Keck mostrano come la luce dei quasar possa variare in seguito al passaggio attraverso globuli di idrogeno molecolare ...
25/07/2017 - Una lente che si fa in quattro - Dai dati della survey Pan-STARRS, per serendipity, esce un candidato a lente gravitazionale quadrupla, uno dei pochi casi finora osservati...
31/07/2017 - Quattro quasar in posizione ideale - Uno studio della Iowa University fa luce sul meccanismo che determinò la fine della formazione stellare in galassie giganti: i quasar potrebbero aver ...

Prossima diretta

Occhi al Cielo

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 07:02, T: 19:02
Distanza 1.00245 UA


Luna
S: 12:00, T: 22:16
Fase: 29% (Cresc.)

Satelliti principali

ISS (ZARYA)
Accadde Oggi
  • (1992) - lanciata la Mars Observer (NASA)
Gallery utenti

Partner

International Physicist Network

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui