L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Quanto dura la formazione di stelle massicce

Zone di formazione stellareGli astronomi possono stimare il tempo necessario alla formazione di una stella: è il tempo che passa dall'inizio del collasso della nube di gas e dipende da massa, dimensione della nube stessa e gravità. Approssimando, lo scenario va bene per le dinamiche di formazione stellare, specialmente laddove il nuovo materiale può fluire verso la nube da filamenti, a sostegno dell'attività di formazione stellare. Questo quadro molto semplice, però, mal si sposa con le osservazioni nei più ampi sistemi stellari con stelle di grande massa: anziché un processo veloce, qui sembra regnare un processo di inibizione di formazione stellare fatto di pressione, turbolenza e altri impedimenti.

Astronomi del CfA hanno studiato proprio queste regioni di formazione di stelle di grande massa e le fasi iniziali nelle regioni molecolari. Questi agglomerati hanno densità di gas decine di migliaia di volte superiori a quelle dello scenario più semplice. La polvere associata al gas blocca la luce stellare proveniente dall'esterno lasciando il materiale molto freddo, pochi gradi al di sopra dello zero assoluto. Questi addensamenti si osservano tipicamente con telescopi submillimetrici che scansionano il cielo e applicano algoritmi per identificare le zone di interesse. Il problema è che anche un addensamento in quiete può contenere subregioni di attività, impossibili da rinvenire a questo punto a causa della "piccola" risoluzione spaziale dei telescopi attualmente interessati. 

Anziché analizzare le singole foto, allora, gli scienziati hanno analizzato i singoli pixel di ciascuna foto confrontando i risultati con i dati infrarossi. Le immagini infrarosse campionano il materiale più caldo, compreso quello proveniente da sorgenti incastonate nella nube. L'infrarosso segnala la presenza di formazione stellare nell'agglomerato di materiale, caratterizzando quindi la temperatura della polvere, significativamente superiore in presenza di attività di formazione stellare. I tempi sono legati a sorgenti chiamate "methanol masers", trovati in regioni di formazione stellare, che durano circa 35 mila anni. Questi maser sono stati visti in numerosi addensamenti di materia e la stima delle loro proprietà pone un vincolo all'età dell'addensamento stesso. 

Gli addensamenti privi di stelle incorporate durano tra 0.2 e 1.7 milioni di anni mentre quelli con stelle durano soltanto la metà del tempo. 

La fonte è The Astrophysical Journal

 


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
21/07/2017 - La miglior stima della quantità di gas molecolare - La somma di osservazioni effettuate dai maggiori telescopi per ottenere la stima migliore della quantità di gas molecolare negli ammassi di galassie d...
21/07/2017 - Nuove tracce di formazione stellare galattica - Attraverso lo studio infrarosso di 26 nubi, un team di astronomi riesce a unificare i modelli di formazione stellare: disco e getto vanno di moda anch...
27/07/2017 - L'abbraccio tra Davide e Golia - Hubble Space Telescope immortala l'abbraccio gravitazionale tra la gigante NGC 1512 e la nana NGC 1510, mostrando come eventi simili siano il preludio...
27/07/2017 - Orione: tre popolazioni successive di stelle - I dati del VLT di ESO lasciano spazio all'ipotesi di formazione stellare a cascata: tre popolazioni di stelle distanziate, per nascita, da circa un mi...
31/07/2017 - Quattro quasar in posizione ideale - Uno studio della Iowa University fa luce sul meccanismo che determinò la fine della formazione stellare in galassie giganti: i quasar potrebbero aver ...
07/08/2017 - Campi magnetici contro l'efficienza stellare - Dalla polarizzazione dei filamenti a quella dei nuclei più densi di formazione stellare: il motivo della mancata efficienza nel processo che genera nu...
04/10/2017 - La stella di Tabby alla prova del nove - La curva di luce della stella di Tabby sembra indicare l'inizio di un altro periodo di bassa luminosità. Tutti pronti alle osservazioni sperando di co...
24/07/2017 - Supernovae da record - La supernova Ia più amplificata di sempre da un effetto di lente gravitazionale e una supernova di tipo II a 10 miliardi di anni luce da noi. ...
07/08/2017 - Un sistema binario che si sdoppia - La stella che, finora, era creduta un sistema binario indicata con HD 64315 è in realtà un sistema più complesso, composto da almeno due sistemi binar...
09/08/2017 - Quattro pianeti terrestri per tau Ceti - Un team di astronomi rivela la presenza di quattro pianeti terrestri intorno alla stella simil-solare tau Ceti, distante appena 12 anni luce. Due sono...
09/08/2017 - Una nuova classe di variabili, veloci e calde - Scoperte già nel 2013, alcune stelle sembravano simili alle variabili pulsanti ma osservazioni spettrografiche mostrano che la variabilità è legata al...

Prossima diretta

International Physicists Network

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 07:25, T: 18:25
Distanza 0.99646 UA


Luna
S: 03:37, T: 17:05
Fase: 5% (Cal.)

PIANETI VISIBILI

Urano - Alt. 54.5°
Tramonta: 07:49Mappa

Nettuno - Alt. 35.4°
Tramonta: 04:00Mappa

Satelliti principali

ISS (ZARYA)
Accadde Oggi
  • (1982) - avvistata la cometa di Halley durante l'ultimo passaggio
Gallery utenti

Partner

International Physicist Network

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui