L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Le modulazioni di una stella distrutta

Rappresentazione di distruzione mareale

Rappresentazione di distruzione mareale

Il giorno 11 novembre 2014 qualcosa si è acceso nel cielo e la rete di telescopi robotici di ASASSN (All Sky Automated Survey for SuperNovae) ha catturato un evento subito girato alle altre organizzazioni. L'evento si mostrava fin da subito come una distruzione mareale di una stella (TDE - Tidal Disruption Event) da parte di un buco nero in una galassia distante 300 milioni di anni luce e dalla segnalazione sono partiti 270 giorni di follow-up da parte di numerosi altri telescopi, compreso Swift della NASA. 

Eventi di distruzione mareale sono molto rari, con stime che vanno da un evento ogni 10 mila anni a uno ogni 100 mila anni per una singola galassia, anche se in realtà proprio di recente questa stima sembra essere un po' incerta. Ciò che ha lasciato interdetti, nel caso di ASASSN 14li (questo il nome assegnato all'evento), è stata una modulazione di variazioni luminose nello spettro ottico e ultravioletto alla quale ha fatto seguito, a distanza di 32 giorni, una modulazione in banda X avente lo stesso pattern. 

Come spiegare un simile fenomeno? In realtà la conclusione è abbastanza intuitiva e riguarda la zona di provenienza di queste radiazioni. La radiazione X proviene dalla zona più interna del disco di accrescimento del buco nero formato dai detriti della stella distrutta mentre le variazioni ottiche e ultraviolette si verificano nella parte più distante. I detriti della stella, nel loro disporsi intorno al buco nero creando il disco di accrescimento, collidono l'uno con l'altro creando la modulazione ottica e ultravioletta osservata. Sono gli stessi pezzi che si formano in questo momento che poi, con il tempo, si avvicinano sempre più al buco nero, si scaldano e iniziano a emettere in bande sempre più energetiche, fino a quella X. Questo spiega come mai le bande abbiano la stessa modulazione di variazione: dipende dallo stesso materiale che converge verso zone più interne. 

La fonte è Phys.org


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
27/06/2017 - Buchi neri, tra massa intermedia e sistemi doppi - Due articoli approfondiscono il tema dei buchi neri: dalla caccia agli oggetti di massa intermedia ai sistemi doppi di buchi neri e la loro formazione...
28/06/2017 - Un sistema binario di buchi neri supermassicci - Ci sono voluti dodici anni di osservazione per valutare i minimi spostamenti, ma i due buchi neri supermassicci 0402+379 sono in effetti un sistema bi...
21/07/2017 - Relazione forte tra buco nero e forma galattica - Uno studio basato sulla forma delle galassie svela una relazione molto forte tra l'apertura dei bracci galattici e la massa del buco nero centrale...
07/08/2017 - Mini-buchi neri che uccidono le stelle di neutroni - Nulla di comprovato, ma la presenza di mini-buchi neri di derivazione primordiale potrebbe spiegare tante cose: dai metalli pesanti alla mancanza di s...
08/08/2017 - I buchi neri sarebbero decine di milioni - Uno studio della UCI mostra come nella Galassia possano esistere decine di milioni di buchi neri di grande taglia. Pochi, però, si troverebbero in sis...
09/08/2017 - Il buco nero strizza l'occhio a Einstein - Ancora conferme per la Relatività Generale: stavolta vengono dall'aderenza del moto della stella S2 rispetto alle previsioni durante l'orbita intorno ...
05/07/2017 - Una pulsar con glitches e wobbles - A dieci mila anni luce da noi, la pulsar Psr B1828-11 presenta delle anomalie che i modelli non si sarebbero mai attesi: variazioni di velocità e vari...
06/07/2017 - Come nascono i pianeti dalle stelle morte - Osservazioni submillimetriche mostrano un arco di fianco la pulsar Geminga: se si trattasse di un fronte d'urto spiegherebbe il meccanismo di acquisiz...
11/07/2017 - SN1987A: dalla morte alle nuove stelle - Osservazioni di ALMA nel cuore della supernova SN 1987A mostrano sacche discrete di gas e polvere in condizioni molto simili a quelle di formazione st...
24/07/2017 - Supernovae da record - La supernova Ia più amplificata di sempre da un effetto di lente gravitazionale e una supernova di tipo II a 10 miliardi di anni luce da noi. ...
31/07/2017 - Una supernova superluminosa che spazza metalli - Non sembra esserci relazione tra la metallicità di una galassia e la possibilità che al suo interno possano aver luogo supernovae superluminose....
26/06/2017 - Software neurale per cogliere stelle in fuga - Un software che simula il cervello umano per scandagliare i dati di Gaia alla ricerca di stelle iperveloci, quelle che possono raccontarci la storia d...
28/06/2017 - Sono le stelle che fanno scintillare i quasar - Osservazioni radio e tramite il Keck mostrano come la luce dei quasar possa variare in seguito al passaggio attraverso globuli di idrogeno molecolare ...
04/07/2017 - Scoperta la compagna di CW Leonis - A distanza di 17 anni, le anomalie riscontrate nella nebulosità espulsa dalla stella CW Leonis trovano una spiegazione: una stella compagna, una nana ...
05/07/2017 - Stelle iperveloci che vengono da lontano - Uno studio basato su simulazioni, e logica, mostra come le venti stelle iperveloci a oggi note possano avere con molta probabilità origine extragalatt...
06/07/2017 - La frammentazione nella nascita stellare - Osservato il moto del gas di ammoniaca all'interno di un filamento che sta dando vita a nuove stelle. Il Very Large Array fa un po' di luce sulla fram...
11/07/2017 - Nane brune freddissime e modelli: qualcosa non va - Osservazioni di Spitzer, Gemini e di altri telescopi su un campione di nane brune di Y Type mostra come i modelli esistenti si adattino soltanto agli ...
14/07/2017 - Il Sole è in media anche tra le stelle solari - I cicli solari che sembravano una anomalia della nostra stella sono in realtà un fenomeno dipendente da tasso di rotazione e luminosità, per tutte le ...
18/07/2017 - Ross 128, strani segnali di luce fatti in casa - Strane pulsazioni non polarizzate e quasi periodiche dalla nana rossa Ross 128: la soluzione in segnali provenienti da "vicini" satelliti geostazionar...
27/07/2017 - Orione: tre popolazioni successive di stelle - I dati del VLT di ESO lasciano spazio all'ipotesi di formazione stellare a cascata: tre popolazioni di stelle distanziate, per nascita, da circa un mi...
07/08/2017 - Un sistema binario che si sdoppia - La stella che, finora, era creduta un sistema binario indicata con HD 64315 è in realtà un sistema più complesso, composto da almeno due sistemi binar...
09/08/2017 - Quattro pianeti terrestri per tau Ceti - Un team di astronomi rivela la presenza di quattro pianeti terrestri intorno alla stella simil-solare tau Ceti, distante appena 12 anni luce. Due sono...
09/08/2017 - Una nuova classe di variabili, veloci e calde - Scoperte già nel 2013, alcune stelle sembravano simili alle variabili pulsanti ma osservazioni spettrografiche mostrano che la variabilità è legata al...

Prossima diretta

Occhi al Cielo

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 06:56, T: 19:09
Distanza 1.00357 UA


Luna
S: 07:59, T: 20:06
Fase: 3% (Cresc.)

PIANETI VISIBILI

Urano - Alt. 57.7°
Tramonta: 09:32Mappa

Nettuno - Alt. 23.8°
Tramonta: 05:41Mappa

Satelliti principali

ISS (ZARYA)
Accadde Oggi
  • (1974) - la Mariner 10 sorvola per la seconda volta Mercurio
Gallery utenti

Partner

International Physicist Network

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui