L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Le modulazioni di una stella distrutta

Rappresentazione di distruzione mareale

Rappresentazione di distruzione mareale

Il giorno 11 novembre 2014 qualcosa si è acceso nel cielo e la rete di telescopi robotici di ASASSN (All Sky Automated Survey for SuperNovae) ha catturato un evento subito girato alle altre organizzazioni. L'evento si mostrava fin da subito come una distruzione mareale di una stella (TDE - Tidal Disruption Event) da parte di un buco nero in una galassia distante 300 milioni di anni luce e dalla segnalazione sono partiti 270 giorni di follow-up da parte di numerosi altri telescopi, compreso Swift della NASA. 

Eventi di distruzione mareale sono molto rari, con stime che vanno da un evento ogni 10 mila anni a uno ogni 100 mila anni per una singola galassia, anche se in realtà proprio di recente questa stima sembra essere un po' incerta. Ciò che ha lasciato interdetti, nel caso di ASASSN 14li (questo il nome assegnato all'evento), è stata una modulazione di variazioni luminose nello spettro ottico e ultravioletto alla quale ha fatto seguito, a distanza di 32 giorni, una modulazione in banda X avente lo stesso pattern. 

Come spiegare un simile fenomeno? In realtà la conclusione è abbastanza intuitiva e riguarda la zona di provenienza di queste radiazioni. La radiazione X proviene dalla zona più interna del disco di accrescimento del buco nero formato dai detriti della stella distrutta mentre le variazioni ottiche e ultraviolette si verificano nella parte più distante. I detriti della stella, nel loro disporsi intorno al buco nero creando il disco di accrescimento, collidono l'uno con l'altro creando la modulazione ottica e ultravioletta osservata. Sono gli stessi pezzi che si formano in questo momento che poi, con il tempo, si avvicinano sempre più al buco nero, si scaldano e iniziano a emettere in bande sempre più energetiche, fino a quella X. Questo spiega come mai le bande abbiano la stessa modulazione di variazione: dipende dallo stesso materiale che converge verso zone più interne. 

La fonte è Phys.org


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
26/03/2018 - Il buco nero che blocca la formazione stellare - Francesco Tombesi, ricercatore alla NASA e associato INAF, insieme al suo team di astrofisici, è riuscito a dare una spiegazione all'interruzione dell...
23/05/2018 - Ancora su 3C 279, il burst gamma più potente - Un video su gentile concessione di Youtube per rappresentare il burst gamma più potente, proveniente dal blazar 3C 279...
19/03/2018 - Follow up di ASASSN-14li - A fine 2014 un buco nero ha divorato una stella: osservazioni successive mostrano i dettagli della dinamica dell'evento distruttivo...
14/03/2018 - L'origine extragalattica di un FRB - Una serie numerosissima di strumenti utilizzata per ottenere il punto di partenza di un Fast Radio Burst osservato, per la prima volta, nel 2012. La s...
10/04/2018 - Terza onda gravitazionale per LIGO - Il 4 gennaio 2017 l'interferometro LIGO scova la terza onda gravitazionale: a determinarla, la fusione di due buchi neri per formarne uno di 49 masse ...
30/04/2018 - LA NASCITA DELLE STELLE parte II - Nella fase finale della nascita di una stella, si va incontro a fasi turbolente e anche spettacolari che contribuiscono a celare la protostella nella ...
07/05/2018 - Cosa crea le blue stragglers - Uno studio pubblicato su The Astrophysical Journal e basato sulle osservazioni di Hubble Space Telescope fa luce sul processo che fa ringiovanire alcu...
26/02/2018 - Una stella accesa nel Lupo - Il 23 settembre una "nova" stella si è accesa nel Lupo. Ancora da confermare la natura, ma la stella non è visibile alle nostre latitudini....
27/02/2018 - Proxima Centauri, il magnetismo che non ti aspetti - La stella madre del pianeta Proxima b è più simile al Sole di quanto ipotizzato finora: non si tratta di somiglianza fisica ma di presenza di un ciclo...
27/02/2018 - Sfida tra pulsar veloci - Una pulsar potentissima che emette a raggi X e che in undici anni ha visto il proprio periodo di rotazione accelerare in maniera molto sensibile. Si c...
27/03/2018 - Stella di Tabby, di nuovo in altalena - La curva di luce della stella di Tabby sembra indicare l'inizio di un altro periodo di bassa luminosità. Tutti pronti alle osservazioni sperando di co...
03/04/2018 - Un'onda "di luce": fusione di stelle di neutroni - Per la prima volta, una fusione di stelle di neutroni unisce l'astronomia gravitazionale a quella elettromagnetica. Un lampo e un'onda dalla galassia ...

Prossima diretta

Occhi al Cielo di Giugno 2018

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Gallery utenti

Partner

Peter Pan Onlus

International Physicist Network

Rigel Astronomia

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui