L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

La forma della 67P sarebbe molto recente

la cometa 67P-Chury
La cometa 67P ha la forma attuale da molto poco tempo, non più di un miliardo di anni, secondo una simulazione dell'Università di Berna
Ad oggi si ritiene che l'origine della cometa risalga a 4.5 miliardi di anni fa e che proprio a quell'epoca una collisione "gentile" tra due corpi minori abbia dato vita alla forma a "papera" della cometa stessa. Una nuova ricerca a cura di Martin Jutzi e Willy Benz e colleghi giunge, oggi, a una conclusione totalmente differente.
I lavori pubblicati su Astronomy & Astrophysics sostengono che non sia molto probabile la sopravvivenza di un corpo come questo per un tempo così lungo, senza riportare danni. 
Il Sistema Solare nascente, dopo una fase di iniziale calma, ha subito un periodo di violente collisioni tra corpi anche molto grandi. In un primo studio, gli scienziati hanno calcolato quanta energia sarebbe servita a distruggere una struttura come Chury durante una collisione, scoprendo che il punto di rottura di Chury è in realtà molto debole. La connessione tra le due parti, il famoso "collo", è fragile e può essere distrutta molto facilmente anche a bassa energia. 
Lo studio mostra che la cometa, nel tempo, ha sperimentato diverse collisioni con energia sufficiente a distruggere la forma a due lobi. La forma, quindi, non sarebbe primordiale ma si sarebbe sviluppata attraverso miliardi di anni: la forma attuale è il risultato degli ultimi impatti maggiori, verificatisi probabilmente nell'ultimo miliardo di anni
L'unica alternativa proposta riguarda un Sistema Solare primordiale diverso da quanto pensato fino a oggi, con pochi piccoli oggetti: in tal caso il numero di collisioni sarebbe molto inferiore e la probabilità per Chury di essere colpita sarebbero state minori. 
Un secondo articolo, a firma degli stessi autori, scende nei dettagli della formazione di Chury nella sua attuale forma: i modelli sono stati basati sulla presenza di piccoli oggetti dal diametro compreso tra 200 e 400 metri in collisione con un corpo rotante di circa 5 chilometri di diametro e con la forma di un pallone da rugby (animazione). La velocità di impatto verificata si attesta tra 200 e 300 metri al secondo. L'energia coinvolta è ancora al di sotto, in tali circostanze, rispetto all'energia necessaria a polverizzare una gran parte del corpo originario e come risultato il corpo celeste si spezza e si rifonde, successivamente, in una struttura a due lobi proprio come quella di Chury
I piccoli impatti non scaldano o comprimono la cometa a livello globale, che quindi continua a essere composta di materiale primordiale. 
 
 
La fonte è Phys.org

Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
08/05/2017 - L'origine dell'ossigeno molecolare della 67P - Un ingegnere chimico specializzato in chip per computer e smartphone trova la soluzione all'origine dell'ossigeno molecolare sulla cometa 67P: questio...
01/03/2017 - Il perielio cambia l'acqua alle comete - Osservazioni spettroscopiche della cometa C/2014 Q2 Lovejoy effettuate prima e dopo il perielio mostrano una variazione nel rapporto tra deuterio e id...
02/03/2017 - La storia di P/2016 J1 - Osservazioni del GCT e di CFWT riescono a ripercorrere la storia dell'asteroide doppio e attivo P/2016 J1, dalla collisione fino all'accensione delle ...
27/04/2017 - Newton e Einstein per nuovi calcoli orbitali - Uno studio mette insieme per la prima volta gli effetti relativistici e newtoniani derivanti dalle masse di Sole e Giove per verificare gli effetti su...
03/05/2017 - Epsilon Eri, un sistema con fasce di corpi minori - Un sistema planetario giovane che ricalca il Sistema Solare di 4 miliardi di anni fa: fasce di corpi minori separate tra loro che possono dire molto s...
19/05/2017 - ALMA chiude il cerchio di Fomalhaut - Una immagine completa del disco che circonda la stella Fomalhaut viene da ALMA: i dati mostrano una fascia esterna del tutto simile per composizione a...
22/05/2017 - La stella di Tabby alla prova del nove - La curva di luce della stella di Tabby sembra indicare l'inizio di un altro periodo di bassa luminosità. Tutti pronti alle osservazioni sperando di co...
28/02/2017 - Ha ancora senso il concetto di fascia abitabile? - La presenza di vulcani e del conseguente idrogeno vulcanico potrebbe allargare la fascia di abitabilità di una stella. Ma stiamo ancora parlando di fa...
03/03/2017 - Precedenza a Phobos, spostato MAVEN - Il 6 marzo le probabilità di uno scontro della sonda MAVEN con la luna marziana Phobos erano divenute un po' troppo alte. Accensione dei motori e aume...
03/03/2017 - Il lavoro delle onde di Alfven sulla corona - Immagini ad altissima risoluzione riescono a mostrare le oscillazioni del campo magnetico solare, le famose onde di Alfven, in grado di riscaldare la ...
07/03/2017 - L'aridità di Marte non si legge dalle rocce - Un esperimento portato avanti a Las Vegas mostra come l'analisi delle meteoriti possa essere influenzato in modo decisivo dalle reazioni legate agli i...
08/03/2017 - Nessuna periodicità negli impatti terrestri - La datazione dei principali crateri da impatto presenti sulla Terra indica una mancanza di periodicità, il che esclude la presenza di stelle compagne ...
08/03/2017 - Un calcio al concetto di radiante - L'influenza di Giove allunga e distorce molti stream di meteoroidi, con il risultato che gli sciami durano più di quanto si pensi e che provengano da ...
08/03/2017 - Come si aggregano i piccoli asteroidi - La classificazione balistica a spiegare l'aspetto esterno dell'asteroide Itokawa: la natura delle collisioni spiega, almeno per ora, la netta division...
10/03/2017 - Un tortellino di nome Pan - La sonda Cassini immortala come mai prima d'ora la luna di Saturno Pan, all'interno della divisione di Encke. Una forma davvero particolare....
14/03/2017 - Il polo sud di Encelado è molto più caldo - Osservazioni a microonde svelano che la zona sud-polare di Encelado è molto più calda di quanto non si sia pensato, il che lascia ipotizzare una crost...
15/03/2017 - Venti verticali su Venere osservati da Terra - Osservati per la prima volta, e da Terra, venti perpendicolari all'equatore venusiano. Un nuovo tassello per andare a capire i processi alla base dell...
16/03/2017 - Titano, effervescenza naturale all'azoto - I dati di Cassini sulla diversa composizione dei corsi di fluidi su Titano mostrano come sia possibile la formazione di campi di bolle sugli specchi l...
20/03/2017 - Alla ricerca di regole per le tempeste marziane - Le tempeste su Marte sono ben note ma alcune lasciano sul pianeta rosso segni molto caratteristici. E' possibile estrarre delle regole in termini di l...
21/03/2017 - Anelli ricorsivi per Marte? - Un nuovo modello, pur con fattori non proprio credibili, prova a spiegare come gli anelli su Marte, attualmente non esistenti, potrebbero apparire e s...
22/03/2017 - Marte, forse si tratta soltanto di sabbia - Le striature che scivolano lungo i pendii marziani potrebbero non aver nulla a che vedere con l'acqua, ma essere il semplice risultato di illusione ot...
27/03/2017 - Il bacino che ha originato tsunami marziani - Forse individuato nel cratere Lomonosov la struttura che avrebbe dato vita a due tsunami su Marte. A dirlo è un team internazionale di scienziati....
27/03/2017 - Castelli di sabbia su Titano: solide realtà - La sabbia di Titano è nettamente diversa da quella terrestre: si elettrifica molto, rimanendo compatta per settimane o mesi. Un castello di sabbia dur...
29/03/2017 - Asteroide contromano sulla strada di Giove - Un asteroide che condivide il piano orbitale con migliaia di corpi celesti ma che percorre il proprio tragitto in senso direzionale inverso: BeeZed sf...
30/03/2017 - Una scia di dune per MRO - Il Mars Reconnaissance Orbiter riprende un campo di dune presente all'interno del picco centrale di un bacino di 35 chilometri di diametro. ...
31/03/2017 - Come Marte ha perso la propria atmosfera - I dati di MAVEN consentono una ricostruzione della perdita atmosferica del pianeta rosso Marte: dall'argon, gas nobile, indicazioni fondamentali per c...
04/04/2017 - Tre flare di medio livello per SDO - Tra il 2 e il 3 aprile, il Solar Dynamics Observatory immortala tre flare di classe M sul disco solare. Immagini al solito tempestive e spettacolari....
04/04/2017 - Sistemi binari azzurri spinti da Nettuno - Secondo le osservazioni congiunte di Gemini Nord e Canada-France-Hawaii Telescope, è stato il lento spostamento di Nettuno verso l'esterno e far slitt...
07/04/2017 - No, Cerere non si comporta da cometa - Non è questione di distanza dal Sole, Cerere non si comporta come le comete. A causare l'esosfera temporanea sul pianeta nano è l'attività solare...
10/04/2017 - Urano, tra anelli e aurore - Una immagine composita derivante dalle foto di Hubble e della Voyager 2 per mostrare il pianeta Urano in tutta la sua bellezza, tra anelli e aurore...
11/04/2017 - Ioni di metallo anche su Marte, lo dice MAVEN - La sonda MAVEN osserva in via diretta la presenza di particelle metalliche elettricamente cariche: si tratta della prima detection di un risultato att...
11/04/2017 - Buonanotte New Horizons - Il 7 aprile la sonda della NASA New Horizons è stata addormentata per continuare il viaggio senza spendere molto in termini di energia. Appuntamento a...
11/04/2017 - Una Grande Macchia Fredda per Giove - Una nuova Grande Macchia per Giove, fredda e presente da almeno quindici anni. Subisce variazioni in forma e densità rilevanti, ma si tratta di una Ma...
13/04/2017 - DeeDee, dettagli osservati da ALMA - Osservazioni di dettaglio su un corpo candidato a pianeta nano distante 92 Unità Astronomiche dal Sole. Si tratta di DeeDee, 2014 UZ224, e l'occhio è ...
14/04/2017 - Cassini fa visita al satellite Atlas - Immagini dal fly-by del satellite Atlas avvenuto il 12 aprile 2017 da 11 mila chilometri di distanza. La sonda Cassini alla minima distanza di sempre ...
18/04/2017 - Il cerchio si chiude intorno al ghiaccio di Cerere - Le immagini della sonda Dawn mostrano l'evidenza della presenza di ghiaccio superficiale su Cerere, in strutture morfologiche che richiamano il movime...
18/04/2017 - Spiegata la magnetizzazione delle rocce lunari - Uno studio del team ARES della NASA, pubblicato su Earth and Planetary Science Letters, giunge a una simulazione del nucleo lunare perfettamente in li...
18/04/2017 - Roccia di passaggio nel cielo - Un asteroide di 650 metri di diametro e albedo elevata passerà nel cielo la sera di mercoledì. Ottima occasione per tentare osservazione e immagini....
19/04/2017 - Le isole magiche di Titano fatte di bolle - Come già anticipato a marzo, un legame tra le isole magiche su Titano e la frizzante leggerezza dei laghi di idrocarburi esiste. ...
24/04/2017 - Eliosfera a forma cometaria? Sembra di no - I dati congiunti delle Voyager, di IBEX e di Cassini sembrano donare all'eliosfera una forma decisamente più sferica di quanto non sia stato ritenuto ...
25/04/2017 - Una pausa per i bombardamenti marziani - Lo stato di conservazione dei bacini di Marte indica chiaramente la mancanza di bacini di età compresa tra 4.5 e 4.1 miliardi di anni. Un periodo in c...
27/04/2017 - Cassini torna a parlare: Saturno come non mai - Dopo il silenzio radio necessario per portare a termine le operazioni di passaggio nel gap tra pianeta e anello interno, Cassini invia a Terra le imma...
27/04/2017 - Cambia la scala ma non il processo nel Sole - Uno studio condotto dal Goddard e dalla Durham University mostra come i getti coronali e le espulsioni di massa coronale siano in realtà fenomeni inne...
27/04/2017 - Dawn pronta all'opposizione di Cerere - Nonostante la rottura della terza ruota di direzionamento, la sonda Dawn continua la missione estesa e il 29 aprile potrà riprendere Cerere da una pos...
28/04/2017 - Gli anelli di Chariklo, fino all'ultima particella - Una simulazione giapponese entra nei dettagli più fini della struttura ad anelli di Chariklo, scoprendone una natura molto interessante. Il mistero ri...
13/04/2017 - Encelado: processi a sostegno di vita possibile - La sonda Cassini rivela la presenza di idrogeno molecolare nei geyser di Encelado, una possibile evidenza dell'esistenza di attività idrotermale. Una ...
04/05/2017 - Cassini, tra Saturno e un Encelado diverso - Un video di Cassini che mostra il passaggio tra alta atmosfera di Saturno e perimetro interno degli anelli, avvenuto il 26 aprile e una immagine del p...
05/05/2017 - Antenne ESA in supporto NASA per il Grand Finale - Pronti al Grand Finale di Cassini: anche le antenne ESA in Australia e Argentina pronte a raccogliere i dati provenienti dal Sistema Saturno. ...
09/05/2017 - Un esagono in piena luce - L'esagono di Saturno, nella regione nord polare, ripreso dalla sonda Cassini a gennaio 2017. Una delle strutture più belle e misteriose del Sistema So...
11/05/2017 - Europa nasconde Io ma ne evidenzia la lava - Una speciale occultazione ha portato Europa a occultare Io il giorno 9 marzo 2015: ottima occasione per lo studio infrarosso di Io e dei suoi bacini l...
12/05/2017 - Un Nettuno caldo con atmosfera primordiale - Un team di NASA e Exeter rivela l'atmosfera di un esopianeta a 430 anni luce di distanza: Hat-P-26b è un Nettuniano caldo la cui atmosfera è primordia...
17/05/2017 - Il video di Cerere durante l'opposizione - Il 29 aprile, per la sonda Dawn, è stato il giorno dell'opposizione di Cerere, giorno ottimo per scattare immagini da una angolazione con il Sole mai ...
19/05/2017 - Titano, più Marte che Terra - L'analisi topografica di Titano mostra come le strutture presenti, in grado di influenzare i corsi di acqua, siano più simili per formazione a quelle ...
19/05/2017 - Una luna per 2007 OR10 - Una rotazione troppo lenta per 2007 OR10 e le immagini di Hubble svelano la presenza di una luna di circa 150-250 miglia di diametro per il pianeta na...
26/05/2017 - Giove, uno sconosciuto nei dati di Juno - Aurore polari alimentate da Io, una atmosfera turbolenta fino a strati molto profondi e un nucleo solido che sembra mancare: i primi dati di Juno su G...

Prossima diretta

Il sistema di Epsilon Eri

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 05:39, T: 20:35
Distanza 1.0135 UA


Luna
S: 07:24, T: 22:23
Fase: 6% (Cresc.)

Satelliti principali

ISS (ZARYA)
Accadde Oggi
  • (1857) - l'astronomo Goldschmidt scopre l'asteroide (44) Nysa
Gallery utenti

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui