L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Cosa alimenta i getti dai buchi neri supermassicci

Rappresentazione dei getti alimentati da dischi di accrescimentoFa parte di una delle tante cose che, in astronomia, si sentono dire per approssimazione ma per le quali è ancora ignoto il vero meccanismo: i getti provenienti dai buchi neri supermassicci sono generati dal disco di accrescimento

Sembra pacifico, ma quale sia il meccanismo è ancora tutto da dimostrare e per scoprirlo l'universo ci offre due opportunità, con le attuali tecnologie. La prima è studiare il buco nero supermassiccio della Via Lattea, SgrA*, con il programma Event Horizon Telescope. La seconda è studiare uno dei buchi neri supermassicci più noti, quello che domina la galassia M87 nell'Ammasso della Vergine con i suoi 6 miliardi di masse solari. I getti che fuoriescono da questa galassia si estendono per una dimensione molto superiore alla galassia stessa e vanno ad abbracciare tutto lo spettro elettromagnetico

Al Max Planck Institute è stato utilizzato il Very Large Baseline Array per ottenere ulteriori informazioni riguardanti il disco di accrescimento del buco nero e la tesi a oggi più accreditata vede questo disco - che alimenta il buco nero di materia - simile alla superficie solare. Sarebbero, di conseguenza, le disconnessioni e microriconnessioni magnetiche a indurre la formazione dei getti in uscita, cosa che a maggior distanza lascia il campo ai campi magnetici di scala superiore. La formazione dei getti sarebbe quindi legata alla microattività magnetica mentre forma e flusso successivo sarebbero dominati dai campi magnetici a larga scala. 

La fonte è Media INAF

 


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
16/02/2018 - Ricette di Cosmologia - I Buchi Neri - buchi neri la vittoria della gravita della materia...
24/11/2017 - La Relatività e La Cosmologia Moderna - La Teoria della Relatività Ristretta di Einstein apre le porte a un nuovo modo di pensare il cosmo: ne ripercorriamo le principali basi e conseguenze...
09/01/2018 - Il buco nero che blocca la formazione stellare - Francesco Tombesi, ricercatore alla NASA e associato INAF, insieme al suo team di astrofisici, è riuscito a dare una spiegazione all'interruzione dell...
10/01/2018 - L'origine extragalattica di un FRB - Una serie numerosissima di strumenti utilizzata per ottenere il punto di partenza di un Fast Radio Burst osservato, per la prima volta, nel 2012. La s...
14/12/2017 - Van Allen: chi accelera gli elettroni? - Le due sonde Van Allen Probes aumentano gli indizi per la caccia a chi accelera le particelle nelle fasce ionizzate che circondano la Terra...
09/02/2018 - MMS osserva i dettagli del campo magnetico - Per la prima volta, la costellazione di satelliti MMS osserva in dettaglio la riconnessione magnetica in orbita terrestre. ...
14/02/2018 - Aurore polari da ascoltare - E' vero, le aurore polari si accompagnano a suoni generati dal campo magnetico a soli 70 metri di altezza e non alle altezze in cui si generano le luc...
23/01/2018 - Materia oscura - MOND: non se ne esce - Lo studio del moto delle stelle periferiche in galassie ellittiche porta sorprese: stesso comportamento rispetto alle galassie a spirale. Ignota la ca...

Prossima diretta

Da Zero a Oort p.10

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 06:59, T: 17:49
Distanza 0.98906 UA


Attività solare real time

Luna
S: 09:29, T: 22:35
Fase: 24% (Cresc.)

Satelliti principali

Accadde Oggi
  • (1983) - Lanciato il satellite giapponese Temna per astronomia X
Gallery utenti

Partner

Peter Pan Onlus

International Physicist Network

Rigel Astronomia

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui