L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Come si aggregano i piccoli asteroidi

Balistica delle collisioniNel 2005 la sonda Hayabusa della JAXA ha agganciato il piccolo asteroide Itokawa per prelevare frammenti da riportare sulla Terra. Contrariamente alle attese, che vedevano una classica roccia omogenea, l'asteroide ha mostrato una superficie molto differenziata in termini di dimensione delle particelle. A rendere fitto il mistero ha contribuito essenzialmente una separazione orizzontale tra piccole e grandi particelle, con i massi maggiori a occupare la zona più alta e quelli più piccoli a occupare il bassopiano, creando una sorta di mare di ghiaia. 

Per comprendere la modalità di formazione, gli scienziati della Okinawa Institute of Science and Technology Graduate University hanno elaborato simulazioni e esperimenti da unire alle analisi dei dati, proponendo un modello in grado di spiegare la separazione. 

ItokawaLa differenziazione in base alle dimensioni delle particelle è attribuita al Brazil Nut Effect, con il quale le particelle di diverse dimensioni si separano per scuotimento verticale in presenza di gravità. Nulla è detto, però, sulla separazione orizzontale delle particelle. Allora, lo studio pubblicato su Physical Review Letters va oltre: dalle immagini si osserva che i volumi occupati da massi grandi e quelli occupati da ghiaia sono più o meno uguali, a indicare un numero di ciottoli ben maggiore rispetto a quello dei massi maggiori. Ne segue che il numero maggiore di collisioni si è verificato tramite particelle minori, il che è particolarmente importante visto che è stato provato in laboratorio come la classificazione balistica abbia giocato un ruolo fondamentale: le particelle più piccole, infatti, rimbalzano sui massi maggiori e vanno a trovare definitiva sede in mezzo alla ghiaia già presente, aumentandone il deposito in misura che rispecchia l'equazione di Hill, la quale descrive processi in cui un accumulo iniziale favorisce ulteriori accumuli. 

Questa classificazione balistica dovrebbe essere dominante negli asteroidi di piccole dimensioni, come Itokawa ma anche come Bennu che presto sarà visitato da Osiris-REX. Dalle prime immagini anche Bennu sembra esibire una segregazione orizzontale e sarà una occasione buona per verificare la nuova teoria. 

La fonte è Phys.org


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
28/06/2017 - Bee Zed, una vita contromano - Bee Zed è un asteroide che percorre la propria orbita con moto retrogrado, con un periodo di 12 anni in perfetta sincronia con l'orbita di Giove. Fors...
03/07/2017 - DART, si passa alla fase di preliminary design - Passo in avanti per la missione DART di planetary defence: il progetto passa alla fase di preliminary design in vista dell'incontro-scontro con Didymo...
30/07/2017 - Asteroidi: tra simulazioni e flyby imprevisti - Mentre un asteroide "sfiora" la Terra senza essere visto, la NASA dà vita a una simulazione su un oggetto già noto al fine di testare le attuali modal...
06/08/2017 - La più antica famiglia asteroidale - Il Southwest Research Institute trova gli appartenenti alla famiglia di asteroidi più antica finora conosciuta nella Fascia Principale degli Asteroidi...
07/08/2017 - Il target di New Horizons potrebbe essere binario - Una occultazione stellare da parte di 2014 MU69 rivela una forma molto allungata per il KBO che verrà visitato dalla New Horizons, una forma compatibi...
05/07/2017 - La Luna subito dopo la formazione - Un modello sviluppato al Goddard Space Flight Center mostra quali potrebbero essere stati gli step che hanno portato la Luna ad apparire come oggi, da...
07/07/2017 - Sistema Solare: crateri a confronto - Ripetuto, con un nuovo algoritmo, un confronto tra i crateri nel Sistema Solare effettuato già negli anni Settanta. Si cerca una dinamica che prescind...
18/07/2017 - Antichi impatti che hanno forgiato la Via Lattea - Una serie di asimmetrie osservate nei dati della Sloan Digital Sky Survey consente a un team della University of Kentucky di risalire alle cause che r...
18/07/2017 - Soluzione elegante per Marte - Una soluzione per tre questioni aperte: differenze tra emisferi, presenza di satelliti e abbondanze di metalli racchiuse in un impatto con un corpo si...
26/06/2017 - Urano: campo magnetico a intervalli - L'analisi dei dati della Voyager 2, a distanza di 30 anni, porta nuove informazioni riguardanti il campo magnetico di Urano: la sua inclinazione lo re...
03/07/2017 - Grande Macchia Rossa sotto assedio - In attesa del flyby di Juno sopra la Grande Macchia Rossa, la tempesta di Giove viene osservata in infrarosso anche da Gemini North e dal Subaru...
03/07/2017 - Venere, un update atmosferico - Osservazioni dalle Hawaii e modelli sviluppati mostrano un importante ruolo giocato dal bromo e derivati nell'atmosfera di Venere...
03/07/2017 - Occhi da Saturno - Il 7 giugno la sonda Cassini riprende il pianeta Saturno. Una delle ultime immagini della storica missione della NASA...
04/07/2017 - Il metanolo che ci inganna su Encelado - Il metanolo che fuoriesce da Encelado potrebbe in realtà avere un processo molto più complesso, il che ne ridurrebbe le proprietà di "marcatore" di po...
06/07/2017 - Mari di Titano, niente di buono per i surfisti - Una analisi dei dati radar ottenuti da Cassini sui mari di Titano mostra come le onde abbiano dimensioni molto ridotte, al limite del centimetro di al...
06/07/2017 - Vita su Marte più dura del previsto - Test di laboratorio indicano come i molto presenti perclorati marziani possano uccidere batteri vitali anche in assenza di calore ma in sola presenza ...
07/07/2017 - 2014 MU69, il discorso si fa interessante - L'oggetto che dovrà essere incontrato dalla New Horizons a Capodanno 2019, 2014 MU69, potrebbe essere più piccolo di quanto pensato, forse binario e p...
13/07/2017 - L'occhio di Giove ripreso da Juno - Il flyby del 10 luglio ha portato la camera JunoCam a bordo di Juno a sorvolare la Grande Macchia Rossa. In attesa dei dati, arrivano le prime immagin...
13/07/2017 - Planet Nine, un nodo a favore - Uno studio spagnolo su 28 oggetti trans Nettuniani mostra coincidenze orbitali difficilmente spiegabili senza un oggetto in grado di perturbarne le tr...
20/07/2017 - Per Hubble, Marte e Phobos - Durante 22 minuti di ripresa di Marte, Hubble Space Telescope riesce a raccogliere la luce della piccolissima luna Phobos ripercorrendone il tratto or...
24/07/2017 - I venti notturni di Venere - L'analisi dei dati di Venus Express, e di VIRTIS in particolare, mostrano un pattern di venti molto più vario nel lato notturno di Venere, lasciando l...
27/07/2017 - Cassini, da Titano alla chimica prebiotica - Il ritrovamento nell'atmosfera di Titano della chimica prebiotica può dire molto sullo sviluppo della vita sul nostro pianeta. Nuovo successo di Cassi...
30/07/2017 - Una cometa per il cacciatore di supernovae - La survey dedicata alla scoperta di fenomeni transitori come le supernovae si imbatte nella prima scoperta di una cometa, probabilmente a causa di un ...
31/07/2017 - Formazione della Luna: un bel tira e molla - La formazione del nostro satellite non smette di far parlare: a difesa della teoria di Theia sembra giocare la dinamica di isotopi del gallio, vaporiz...
02/08/2017 - Venere del passato: possibilità di oceano - Le simulazioni portate avanti in Francia evidenziano che anche Venere, in passato, potrebbe aver ospitato un oceano di acqua superficiale, sotto deter...
06/08/2017 - Un sistema di nubi equatoriale su Nettuno - Da Giugno a Luglio, osservato su Nettuno un sistema di nubi estremamente grande, duraturo e stranamente a latitudini molto basse. ...

Prossima diretta

Occhi al Cielo

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 06:56, T: 19:09
Distanza 1.00357 UA


Luna
S: 07:59, T: 20:06
Fase: 3% (Cresc.)

PIANETI VISIBILI

Urano - Alt. 57.7°
Tramonta: 09:32Mappa

Nettuno - Alt. 23.7°
Tramonta: 05:41Mappa

Satelliti principali

ISS (ZARYA)
Accadde Oggi
  • (1974) - la Mariner 10 sorvola per la seconda volta Mercurio
Gallery utenti

Partner

International Physicist Network

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui