L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Come Marte ha perso la propria atmosfera

Marte

Ormai è da tempo che si ritiene, con molta probabilità di successo, che Marte fosse un paradiso dal punto di vista abitativo: minerali che si formano solo in presenza di acqua e antichi letti di fiumi stanno lì a parlarcene, ma poi qualcosa ha fatto evaporare tutta questa acqua e la causa principale è stata una perdita dell'atmosfera

I dati di MAVEN, elaborati dal Laboratory for Atmospheric and Space Physics, mostrano come il 65% dell'argon presente all'epoca sia andato perduto. Ma come si perde l'atmosfera? I processo possibili sono due: l'atmosfera viene intrappolata nelle rocce a causa di reazioni chimiche oppure viene spazzata via dal vento soffiato dalla stella madre, e questa ultima sembra proprio la soluzione operante su Marte. 

Le misurazioni ufficiali, infatti, indicano come la quantità strappata dal vento solare sia del tutto sufficiente a modificare il clima marziano nel tempo, soprattutto in virtù del fatto che il Sole giovane era molto più potente in ultravioletto e forza del vento. Eventuale vita microbica presente sul pianeta sarebbe stata spazzata via dal raffreddarsi delle condizioni climatiche, oppure sarebbe stata confinata in piccole oasi rimaste ancora un po' nel tempo. 

Queste misurazioni sono state effettuate basandosi su due isotopi dell'argon, uno più leggero dell'altro, e vedendo le abbondanze dell'uno rispetto all'altro considerando il fatto che quello leggero, ovviamente, scappa via prima dall'atmosfera lasciando un tasso a favore del parente pesante. Si tratta di un gas nobile che non interagisce chimicamente e che, quindi, non può rimanere intrappolato nelle rocce: quel che manca è soltanto fuggito via. Una volta compreso il comportamento dell'argon è possibile estrapolare i dati anche per altri elementi come, ad esempio, l'anidride carbonica, fondamentale per l'effetto serra e per la ritenzione di calore. 

Perdita di atmosfera su Marte, rappresentazioneNella fuga di atmosfera da Marte un ruolo sorprendente lo gioca la radiazione ultravioletta del Sole, un ruolo che soltanto nel 2018 è stato evidenziato. Si è sempre ritenuto che la fuga di ioni fosse causata da un effettivo trasferimento di energia dal vento solare alla ionosfera marziana ma ciò che, contro-intuitivamente, si nota è, invece, come l'incremento di produzione di ioni innescato dalla radiazione ultravioletta si comporti addirittura come uno scudo per l'atmosfera marziana. Davvero una minima energia, però, è sufficiente agli ioni stessi a fuggire nello spazio e questo è causa della bassa gravità marziana
La natura ionizzante delle radiazioni solari produce più ioni di quelli che possono essere rimossi dal vento solare. Sebbene l'aumento della produzione di ioni contribuisca a proteggere l'atmosfera inferiore dall'energia trasportata dal vento solare, il riscaldamento degli elettroni sembra essere sufficiente a spazzar gli ioni creando una sorta di vento polare. La debole gravità di Marte non trattiene gli ioni, che fuggono nello spazio a prescindere dall'energia fornita dal vento solare. 
Su Venere, dove la gravità è maggiore, serve molta più energia per liberare l'atmosfera in questo modo e gli ioni che escono dal lato rivolto verso il Sole probabilmente ricadono sul pianeta, salvo ulteriori accelerazioni. 
Su Venere l'energia del vento solare può quindi avere un peso rilevante, ma su Marte può limitarsi ad accelerare una fuga già in atto. A questo punto, forse un campo magnetico non è poi così importante come la gravità stessa.


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
20/06/2018 - Le onde che accelerano le nuvole e frenano Venere - Dopo trenta anni, svelate le dinamiche che sono alla base della super-rotazione dell'atmosfera del pianeta Venere rispetto alla lentezza della rotazio...
04/06/2018 - Detriti in rientro controllato - Il 13 novembre è previsto il rientro di un particolare detrito spaziale: un serbatoio o un booster di una missione, forse una missione lunare. E' la p...
24/07/2018 - Idrogeno tutto intorno a Europa - Osservazioni di Hubble Space Telescope ripetute su sei transiti di Europa sul disco di Giove mostrano una atmosfera composta di idrogeno a livello glo...
18/07/2018 - Modelli atmosferici fanno "vivere" Proxima-b - Le simulazioni di modelli atmosferici per il pianeta Proxima-b, elaborati ipotizzando orbita bloccata o risonanza 3:2, indicano la possibilità di un m...
31/05/2018 - Il vento solare che buca la nostra magnetosfera - Un gruppo di ricercatori svedesi servendosi di dati ESA scopre che il vento solare porebbe attraversare la magnetosfera...
23/07/2018 - Il cerchio si chiude intorno alla corona solare - Una delle missioni più economiche della NASA, chiamata EUNIS e funzionante per soli 6 minuti, fa gettare la maschera ai nanoflares come sorgente di ca...
26/07/2018 - LA NASCITA DELLE STELLE parte II - Nella fase finale della nascita di una stella, si va incontro a fasi turbolente e anche spettacolari che contribuiscono a celare la protostella nella ...
27/06/2018 - Il pianeta Marte - Il pianeta Marte, storicamente, è quello che ha sempre ispirato le storie di fantascienza sulla presenza di forme di vita. Oggi è il più studiato del ...
25/07/2018 - Marte, storia di acqua e di vita - Marte tra i 3,5 ed i 4 miliardi di anni fa potrebbe essere stato azzurro. Un clima caldo e temperato unitamente ad una atmosfera più pesante ed acqua ...
25/07/2018 - Marte, clima e meteorologia - Studio approfondito sull'atmosfera di Marte e la meteorologia del pianeta. Dalla formazione dei venti al ciclo dell'acqua e del diossido di carbonio....
02/07/2018 - Magma da Marte - Un meteorite ritrovato in Marocco nel 2011, proveniente da Marte, racconta e conferma un passato vulcanico per il pianeta rosso...
13/06/2018 - 50 anni di storia di missioni su Marte - Missioni su Marte, tra rover e lander. La tempesta di sabbia del 2018 e le occasioni per la scienza. Il problema di Opportunity....
02/08/2018 - Sistema solare, nascita e composizione - Il Sistema Solare è il nostro sistema planetario: diamo una occhiata a come è nato, a come è composto e dove si trova all'interno della nostra Via Lat...
25/05/2018 - Da Schrödinger ai dinosauri passando per la Luna - Dallo studio di un cratere lunare sarebbe possibile risalire alla storia di un cratere terrestre, lo stesso che viene visto come resto dell'impatto le...
19/07/2018 - La stella che mangia i propri pianeti - Scienziati della University of Chicago osservano una composizione insolita in una stella simile al Sole che potrebbe far pensare al futuro di Mercurio...
22/05/2018 - Asteroide contromano sulla strada di Giove - Un asteroide che condivide il piano orbitale con migliaia di corpi celesti ma che percorre il proprio tragitto in senso direzionale inverso: BeeZed sf...
27/06/2018 - Encelado: processi a sostegno di vita possibile - La sonda Cassini rivela la presenza di idrogeno molecolare nei geyser di Encelado, una possibile evidenza dell'esistenza di attività idrotermale. Una ...
04/06/2018 - Planet Nine, un nodo a favore - Uno studio spagnolo su 28 oggetti trans Nettuniani mostra coincidenze orbitali difficilmente spiegabili senza un oggetto in grado di perturbarne le tr...
06/06/2018 - Il target di New Horizons potrebbe essere binario - Una occultazione stellare da parte di 2014 MU69 rivela una forma molto allungata per il KBO che verrà visitato dalla New Horizons, una forma compatibi...

Prossima diretta

Occhi al Cielo di Luglio 2018

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 06:20, T: 20:08
Distanza 1.01236 UA


Attività solare real time

Luna
S: 11:58, T: 23:21
Fase: 36% (Cresc.)

PIANETI VISIBILI

Marte - Alt. 21.4°
Tramonta: 04:03Mappa

Giove - Alt. 1.4°
Tramonta: 23:27Mappa(-PHEMU)

Saturno - Alt. 21.9°
Tramonta: 02:21Mappa

Urano - Alt. 5.1°
Tramonta: 12:20Mappa

Nettuno - Alt. 23.2°
Tramonta: 08:20Mappa

Satelliti principali

Accadde Oggi
  • (1744) - Nasce Pierre Mechain, scopritore di oggetti celesti
Gallery utenti

Partner

Peter Pan Onlus

International Physicist Network

Rigel Astronomia

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui