L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

Collisioni nei dischi di detriti di due stelle

Rappresentazione artistica di collisione in disco protoplanetario

Rappresentazione artistica di collisione in disco protoplanetario

Esaminando la linea del carbonio in due sistemi stellari molto giovani come 49 Ceti e Beta Pictoris i ricercatori hanno scoperto che questo elemento, osservato per la prima volta nello spettro submillimetrico, non ha origine primordiale ma dipende da processi di collisione che si verificano nel disco di detriti

Molte stelle giovani e di mezza età sono circondate da dischi di detriti, come la nostra Nube di Oort, che rappresentano i resti della formazione del sistema di stelle e pianeti. Recentemente, osservazioni radio hanno scoperto che questi dischi presentano del gas e questo gas può avere origine primordiale, cioè risalire alla formazione della stella, oppure può essere arrivato dopo in seguito a collisioni nel disco stesso. 

Al RIKEN Star and Planet Formation Laboratory hanno così deciso di far luce esaminando le emissioni del carbonio atomico. Normalmente il carbonio esiste in forma molecolare, come monossido di carbonio. La luce ultravioletta della stella dissocia poi questa molecola in atomi creando atomi di carbonio liberi, ma normalmente una reazione chimica ricombina subito questi elementi in ossido di carbonio, nuovamente. Questa seconda reazione è facilitata dall'idrogeno: se questo non c'è, allora il carbonio resta in stato atomico. 

L'Atacama Submillimeter Telescope Experiment (ASTE) condotto in Cile ha studiato le stelle 49 Ceti e Beta Pictoris per poi confrontare i dati ottenuti da ALMA. Ciò che ne risulta è una abbondanza di carbonio atomico molto forte, quasi pari a quella di monossido di carbonio. Ne segue come la presenza di idrogeno sia molto scarsa in loco e dal momento che l'idrogeno è gas primordiale, allora si può desumere che il carbonio che vediamo in forma atomica non sia primordiale, altrimenti sarebbe stato trovato anche l'idrogeno. Il carbonio atomico deriva quindi da collisioni successive di oggetti nel disco di detriti.

La fonte è Astrophysical Journal Letters

 


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
08/02/2017 - La protostella con una strana geometria - Osservazioni di ALMA riescono a scendere in dettaglio all'interno dell'area che precede la barriera centrifuga, uno dei problemi principali nel proces...
14/02/2017 - Un giro di gas intorno al buco nero - La sovrapposizione di immagini di Chandra e di ALMA mostra il quadro completo di un giro di gas che si verifica nell'Ammasso della Fenice tra buchi ne...
28/02/2017 - Da ghiaia a protopianeta: forse ci siamo - Uno studio di un team internazionale di astronomi, tramite simulazioni, riesce a creare le condizioni per il passo che, fino a oggi, non era mai stat...
02/03/2017 - HST e ALMA insieme per la radiazione di fondo - Attraverso l'azione congiunta di Hubble e di ALMA è possibile osservare i fotoni potenziati dall'effetto Zel'dovich dovuto al passaggio attraverso amm...
07/03/2017 - La splendida spirale di LL Pegasi - Immagini combinate di ALMA e Hubble mostrano la spirale di LL Pegasi in vista tridimensionale: l'effetto della rotazione di un sistema binario durante...
08/03/2017 - ALMA ai confini dell'universo con A2744_YD4 - ALMA immortala la sua galassia più distante e la scopre ricca di polvere: uno strumento utilissimo per fissare dei limiti alle date di formazione, e d...
16/03/2017 - Una zampata di gatto alla formazione stellare - Osservazioni di ALMA mostrano enormi variazioni in una zona di formazione stellare all'interno della Nebulosa Zampa di Gatto. Causa da ricercare nella...
23/03/2017 - Via Lattea in fasce osservata da ALMA - ALMA riesce a catturare la radiazione diretta di galassie giovani distanti 12 miliardi di anni luce: si tratta di galassie come la nostra osservate ag...
03/04/2017 - La formazione planetaria intorno a HD 169142 - Gli occhi millimetrici di ALMA indagano sulla stella HD 169142: un disco circumstellare che porta i segni della formazione planetaria....
07/04/2017 - ALMA guarda dove si scontrano le stelle - Nel complesso molecolare di Orion-1 (OMC-1) i resti di due protostelle che si sono scontrate. ALMA effettua osservazioni con dettagli mai raggiunti fi...
10/04/2017 - Un sistema binario con ferro di cavallo - ALMA analizza il disco protoplanetario che circonda il sistema binario di HD 142527, distante 510 anni luce da noi. Una differenza di distribuzione tr...
13/04/2017 - DeeDee, dettagli osservati da ALMA - Osservazioni di dettaglio su un corpo candidato a pianeta nano distante 92 Unità Astronomiche dal Sole. Si tratta di DeeDee, 2014 UZ224, e l'occhio è ...
20/04/2017 - Il primo disco di accrescimento per una stella - ALMA riprende per la prima volta con estremo dettaglio il disco di accrescimento intorno a una stella giovane, dell'età di 40 mila anni. ...
25/04/2017 - Prime informazioni su galassie submillimetriche - L'utilizzo di ALMA consente lo studio di galassie che fino a pochi anni fa erano inaccessibili: le galassie submillimetriche iniziano a raccontarsi,e ...
25/04/2017 - L'universo a redhift 6 si popola come non mai - Astronomi giapponesi, tramite il Subaru Telescope, svelano la presenza di 24 nuovi quasar debolissimi e di 8 nuove galassie superluminose ma decisamen...
30/01/2017 - L'origine della polvere che ha formato il Sole - Scoperta l'origine dei grani di polvere dai quali si è formato il Sole e, in seguito, i pianeti. Il processo di origine è da rintracciare nelle reazio...
31/01/2017 - Keck, il nuovo Vortex fa sognare - Il nuovo coronografo installato al Keck non si fa attendere: una nana bruna in visione diretta e la parte interna di un disco planetario...
10/02/2017 - Quattro milioni di anni per formare i pianeti - Una ricerca condotta su meteoriti molto rare risalenti alle primissime fasi di formazione del Sistema Solare indica in 4 milioni di anni il tempo nece...
14/02/2017 - La collisione che origina esolune visibili - Simulazioni al computer mostrano i processi che, tramite collisioni planetarie, potrebbero dar vita alla formazione di esolune visibili da Kepler...
21/02/2017 - Ancora tanti giganti gassosi da scoprire - Nuovi modelli di formazione planetaria, con particolare riguardo al processo di raffreddamento del disco, indicano la possibile presenza di tanti giga...
22/02/2017 - Sette pianeti per TRAPPIST-1 - Sale a sette il numero dei pianeti intorno alla vicina stella TRAPPIST-1. Molti di questi pianeti sono rocciosi e si trovano in zona abitabile. ...
15/03/2017 - Nessuna migrazione per HD 106906 - Le simulazioni portate avanti giungono a risultati che sposano in pieno le osservazioni di SPHERE per il sistema di HD 106906: nessuna migrazione per ...
22/03/2017 - Dischi protoplanetari che evaporano con una brezza - L'evaporazione dei dischi protoplanetari sembra un processo più comune di quanto non si ritenesse finora: non solo stelle grandi, ma anche quelle più ...
25/04/2017 - Una pausa per i bombardamenti marziani - Lo stato di conservazione dei bacini di Marte indica chiaramente la mancanza di bacini di età compresa tra 4.5 e 4.1 miliardi di anni. Un periodo in c...
06/02/2017 - Le tracce di una eccezionale formazione stellare - Osservazioni del Keck observatory su una galassia ellittica, molto massiccia e molto distante, riescono a ricreare la storia evolutiva della formazion...
14/02/2017 - M17, le stelle non sono binarie strette - Uno studio sulle velocità radiali delle stelle nell'ammasso M17 mostra come, contrariamente a quanto ipotizzato, non si tratti di stelle binarie stret...
20/02/2017 - La nascita stellare in una meraviglia di Herschel - Una immagine spettacolare, somma di tre lunghezze d'onda infrarosse, mostra la regione di formazione stellare nella costellazione della Norma. ...
20/02/2017 - L'albero delle stelle - Uno studio pubblicato su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society mette in relazione 22 stelle, tra le quali il Sole, alla ricerca dell'alber...
21/02/2017 - Alla radio passano la formazione stellare - Un nuovo marcatore per capire dove si stanno formando le stelle è dato dal segnale radio da 1 a 10 GHz: una ottima approssimazione dell'infrarosso, se...
06/03/2017 - NGC 6362, poco massiccio ma comunque normale - L'analisi chimica condotta sulla composizione di NGC 6362 indica che si tratta di un globulare "normale" sebbene risulti molto meno massiccio degli al...
07/03/2017 - Anche gli ammassi aperti si ribellano alla teoria - Uno studio rivela la possibile presenza di diverse generazioni di stelle anche negli ammassi aperti. Se confermato sarebbe uno schiaffo molto forte al...
07/03/2017 - Formazione stellare nella rete cosmica - Uno studio della University of California analizza la formazione stellare in zone di differente densità nell'universo, all'interno della rete cosmica....
13/03/2017 - Buchi neri precoci aiutati da galassie vicine - La crescita molto veloce dei primi buchi neri supermassicci è ancora al centro dei dibattiti: la radiazione proveniente da galassie vicine potrebbe sp...
13/03/2017 - Stessa inclinazione per stelle sorelle - Uno studio osservativo di due ammassi aperti mostra come le stelle nate da una stessa nebulosa siano in possesso di una stessa inclinazione dell'asse ...
19/03/2017 - In M42 Hubble scova la stella mancante - Da anni si riteneva che un ex-sistema multiplo stellare, andato distrutto, dovesse contenere inizialmente almeno tre stelle, ma finora soltanto due er...
20/03/2017 - SH2, i metalli vanno contro la teoria del merge - L'analisi della regione di formazione stellare SH2 nella galassia Fornax A sembra evidenziare una metallicità troppo elevata per spiegare una passata ...
22/03/2017 - Il fondo UV che soffoca le piccole galassie - L'interazione tra radiazione ultravioletta e gas cosmico produce una luce rossa che può essere osservata da Terra. Un aiuto per la comprensione della ...
24/03/2017 - Dietro la polvere, formazione stellare da record - Nuove osservazioni su una galassia posta ai limiti dell'universo visibile scoprono una formazione stellare molto maggiore rispetto a quanto stimato fi...
27/03/2017 - Il GUSTO del mezzo interstellare - Un pallone in grado di operare per circa 150 giorni partirà dall'Antartide nel 2021, per osservare il mezzo interstellare e ogni fase del processo di ...
27/03/2017 - Svelati i dati del sistema di PDS 11 - Uno dei sistemi binari più intriganti del cielo svela le proprie caratteristiche: si tratta di un raro esempio di sistema binario antico, ricco di pol...
27/03/2017 - Il buco nero supermassiccio che genera stelle - Da tempo si pensa che nei dintorni dei buchi neri supermassicci presenti all'interno della maggior parte delle galassie, ci siano le condizioni ambien...
28/03/2017 - L'alone di una galassia a starburst - Per la prima volta si è riusciti a entrare nei dettagli di un alone galattico di una galassia a intensa formazione stellare: l'oggetto osservato è NGC...
05/04/2017 - Sei nuove nubi ionizzate nel Leo Cluster - Uno studio giapponese rivela sei nuove strutture enormi di gas ionizzato nell'Ammasso del Leone, creando parallelismi con ammassi vicini e consentendo...
07/04/2017 - Era così giovane, solo un miliardo di anni - In un periodo in cui l'universo aveva appena 1.6 miliardi di anni, una galassia aveva già prodotto 300 miliardi di stelle prima di trasformarsi in red...
07/04/2017 - Rosse e morte senza un motivo apparente - Esistono galassie che non producono stelle pur avendo enormi scorte di gas all'interno. Evidentemente qualcosa scalda questo gas e Akira potrebbe dire...
18/04/2017 - Quanto dura la formazione di stelle massicce - Dalla combinazione di osservazioni submillimetriche a quelle infrarosse per cercare marcatori in grado di indicare la durata del processo di formazion...
23/03/2017 - Una mappa 3D della polvere, con urgenza - Per lo studio del tasso di espansione dell'universo è fondamentale eliminare ogni imperfezione sui dati, e gran parte delle imperfezioni sono dovute a...
24/03/2017 - Polvere di luna per resistere alle lunghe notti - Al vaglio le possibili soluzioni per resistere a lungo alle freddissime e lunghe notti lunari: il suolo lunare potrebbe riservare piacevoli soluzioni...
30/01/2017 - Due blazar che sfidano tutti gli altri - Dai dati di Fermi e WISE emergono due blazar totalmente spenti nello spettro radio, il che è contrario alla definizione stessa di questi oggetti. ...
13/02/2017 - Una nuova Giant Radio Galaxy per UGC 9555 - Attraverso i dati combinati della LOFAR survey è stato possibile scoprire una nuova radiogalassia gigante nel gruppo già noto di UGC 9555. ...
20/02/2017 - SgrA* sotto un radio-assedio - Una rete mondiale di radiotelescopi per ottenere una immagine interferometrica dell'orizzonte degli eventi di SgrA*: questo è l'Event Horizon Telescop...
09/03/2017 - Le radiogalassie Peter Pan - Il legame tra dimensione delle galassie e la loro età non è poi così forte: la densità di una galassia incide molto sul rapporto e costringe a riveder...
10/03/2017 - Radar terrestri osservano orbiter lunari - Attraverso i radar, alla NASA riescono a osservare da Terra l'orbiter Lunar Reconnaissance Orbiter e soprattutto a ritrovare in volo il Chandrayaan-1,...
21/03/2017 - Non basta un cono: un carosello per le pulsar - Elaborato un nuovo modello per spiegare l'emissione radio da parte delle pulsar: non è sufficiente un cono di radiazione proveniente dai poli magnetic...
22/03/2017 - Campi magnetici giganti intorno agli ammassi - Nello spettro radio, trovati i campi magnetici estesi più grandi finora mai osservati. Si trovano intorno agli ammassi galattici e determinano e risul...
30/03/2017 - Superbolle alimentate da AGN in radiogalassie - Due superbolle di gas e polvere scovate intorno a due distanti radiogalassie, poste a 11.5 miliardi di anni luce da noi, da parte di ricercatori dell'...
03/04/2017 - Tre FRB per un interferometro - I primi Fast Radio Bursts mai osservati da un interferometro confermano l'origine extragalattica di questi misteriosi fenomeni celesti...
13/04/2017 - SgrA* in posa: immagine tra qualche mese - L'immagine più dettagliata di sempre della zona del buco nero galattico dovrebbe essere stata acquisita: Event Horizon Telescope fornisce i dati per l...

Prossima diretta

Occhi al cielo di Maggio

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 06:08, T: 20:06
Distanza 1.00747 UA


Luna
S: 08:44, T: 23:36
Fase: 16% (Cresc.)

Satelliti principali

Accadde Oggi
Per oggi non risultano presenti particolari ricorrenze.

Gallery utenti

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui