L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

ALMA dentro la zona di formazione planetaria

Rappresentazione artistica

Il processo di formazione planetaria è qualcosa di noto in termini generali, ma nei particolari si tratta di un processo complesso e ancora mai osservato. Quando andiamo a vedere un disco di formazione planetaria ci scontriamo con la superficie del disco stesso, senza poter scendere nei suoi dettagli, quindi massa e temperatura vengono estrapolate come media e non misurate direttamente.

Questo fino a oggi, visto che ALMA è riuscito a osservare la parte mediana del disco di una stella di 0.8 masse solari distante 180 anni luce da noi, sondando una molecola diversa dal classico idrogeno molecolare, abbondante ma non in grado di emettere alle fredde temperature associate alla nascita dei pianeti. 

Il marcatore selezionato è una particolare e rara forma di monossido di carbonio, la cui osservazione è riuscita a ripercorrere in maniera precisa la zona mediana del disco di formazione planetaria consentendo di misurare, direttamente stavolta, la quantità di materia a disposizione dei pianeti nascenti nonché la temperatura.

Interessante anche la definizione della linea della neve del monossido di carbonio, il limite di distanza al di là del quale la stella con il proprio calore non riesce più a mantenere gassoso il monossido di carbonio che quindi ghiaccia sui grani di polvere del disco: osservare questo processo è fondamentale anche per estendere il discorso alla linea della neve del vapore acqueo.

La fonte è arXiv

 


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
30/04/2018 - LA NASCITA DELLE STELLE parte II - Nella fase finale della nascita di una stella, si va incontro a fasi turbolente e anche spettacolari che contribuiscono a celare la protostella nella ...
26/02/2018 - HL Tauri, polemiche chiuse e poi riaperte - Nonostante la nitidezza dell'immagine, alcuni nutrivano perplessità circa i solchi scuri intorno a HL Tauri. Un nuovo modello nega la necessità di pia...
03/04/2018 - LENTE GRAVITAZIONALE - Uno degli strumenti più potenti per l'osservazione dell'universo primordiale è dato dalle lenti gravitazionali, effetti della Relatività Generale di E...
20/03/2018 - TRAPPIST-1, tra formazione e composizione - Due studi paralleli mostrano la composizione dei pianeti del sistema di TRAPPIST-1 e il possibile processo di formazione dei sette pianeti che lo comp...
28/02/2018 - Pianeti rocciosi a partire da palle di fango - Simulazioni portate avanti alla Curtin University rivelano come alla base della formazione dei pianeti rocciosi possano esserci enormi palle di fango ...
07/05/2018 - Sistema solare, nascita e composizione - Il Sistema Solare è il nostro sistema planetario: diamo una occhiata a come è nato, a come è composto e dove si trova all'interno della nostra Via Lat...
26/04/2018 - Da dove viene l'acqua sulla Terra? - L'arrivo dell'acqua sulla Terra è ancora un momento da spiegare e individuare. Asteroidi o comete? Anche la formazione di Giove potrebbe aver influito...
21/05/2018 - Planet Nine, un nodo a favore - Uno studio spagnolo su 28 oggetti trans Nettuniani mostra coincidenze orbitali difficilmente spiegabili senza un oggetto in grado di perturbarne le tr...

Prossima diretta

Occhi al Cielo di Giugno 2018

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Gallery utenti

Partner

Peter Pan Onlus

International Physicist Network

Rigel Astronomia

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui