L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

ALMA chiude il cerchio di Fomalhaut

Immagine composita del disco che circonda Fomalhaut. Credit ALMA
 
Nel 2012 il disco di detriti che circonda la stella Fomalhaut, distante 25 anni luce nel Pesce Australe, fu ripreso da ALMA (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) soltanto in modalità parziale ma le nuove osservazioni chiudono letteralmente il cerchio, fornendo la prima visione di insieme mai ottenuta a lunghezza millimetrica
I dati scovano un match tra il contenuto ghiacciato della parte esterna del disco e il sistema cometario del nostro Sistema Solare, il che apre le porte a una migliore comprensione in termini di formazione planetaria
Relativamente vicina, Fomalhaut è una delle sole 20 stelle intorno alle quali i pianeti sono stati immortalati in via diretta: un sistema di 440 milioni di anni che mostra una banda brillante di polvere e ghiaccio a circa 20 miliardi di chilometri dalla stella e con una estensione di 2 miliardi di chilometri. I dischi si rendono visibili attraverso un processo che assorbe la radiazione stellare e la riemette nello spettro millimetrico osservato da ALMA: i detriti che formano queste dinamiche strutture sembrano formarsi proprio grazie alle collisioni continue tra comete e altri corpi minori: ALMA riesce a calcolare e modellizzare le posizioni, le dimensioni e le geometrie di questi dischi. 
Risulta una rivoluzione più lenta nel momento in cui i detriti polverosi si trovano nella parte più distante dalla stella, perfettamente in linea con le leggi fisiche conosciute. Il rallentamento del materiale determina un aumento della concentrazione dello stesso nelle zone orbitali più distanti e queste regioni appaiono più brillanti nelle osservazioni di ALMA.
Proprio sovrapposta al disco c'è una emissione del monossido di carbonio, anch'essa osservata da ALMA. Proprio questi elementi si sposano bene con le osservazioni cometarie del nostro Sistema Solare, il che può indicare una similitudine nelle condizioni di formazione cometaria
I dati dicono infine che questo sistema planetario potrebbe trovarsi nella fase, da noi già sperimentata, di bombardamento pesante, un periodo che circa 4 miliardi di anni fa ha sottoposto la Terra e i pianeti a continui impatti asteroidali.
 
Immagine submimilimetrica del disco di Fomalhaut
 
La fonte è ALMA Observatory
 

Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
30/04/2018 - LA NASCITA DELLE STELLE parte II - Nella fase finale della nascita di una stella, si va incontro a fasi turbolente e anche spettacolari che contribuiscono a celare la protostella nella ...
26/02/2018 - HL Tauri, polemiche chiuse e poi riaperte - Nonostante la nitidezza dell'immagine, alcuni nutrivano perplessità circa i solchi scuri intorno a HL Tauri. Un nuovo modello nega la necessità di pia...
07/05/2018 - Sistema solare, nascita e composizione - Il Sistema Solare è il nostro sistema planetario: diamo una occhiata a come è nato, a come è composto e dove si trova all'interno della nostra Via Lat...
02/03/2018 - L'asteroide di Hayabusa ha un nome - La JAXA ha comunicato il nome scelto per l'asteroide che sarà incontrato da Hayabusa2 a metà 2018: si chiama Ryugu e deriva da antiche storie giappone...
26/04/2018 - Da dove viene l'acqua sulla Terra? - L'arrivo dell'acqua sulla Terra è ancora un momento da spiegare e individuare. Asteroidi o comete? Anche la formazione di Giove potrebbe aver influito...
22/05/2018 - Asteroide contromano sulla strada di Giove - Un asteroide che condivide il piano orbitale con migliaia di corpi celesti ma che percorre il proprio tragitto in senso direzionale inverso: BeeZed sf...
14/03/2018 - Il target di New Horizons potrebbe essere binario - Una occultazione stellare da parte di 2014 MU69 rivela una forma molto allungata per il KBO che verrà visitato dalla New Horizons, una forma compatibi...
27/03/2018 - Stella di Tabby, di nuovo in altalena - La curva di luce della stella di Tabby sembra indicare l'inizio di un altro periodo di bassa luminosità. Tutti pronti alle osservazioni sperando di co...
03/04/2018 - LENTE GRAVITAZIONALE - Uno degli strumenti più potenti per l'osservazione dell'universo primordiale è dato dalle lenti gravitazionali, effetti della Relatività Generale di E...
20/03/2018 - TRAPPIST-1, tra formazione e composizione - Due studi paralleli mostrano la composizione dei pianeti del sistema di TRAPPIST-1 e il possibile processo di formazione dei sette pianeti che lo comp...
28/02/2018 - Pianeti rocciosi a partire da palle di fango - Simulazioni portate avanti alla Curtin University rivelano come alla base della formazione dei pianeti rocciosi possano esserci enormi palle di fango ...
21/05/2018 - Planet Nine, un nodo a favore - Uno studio spagnolo su 28 oggetti trans Nettuniani mostra coincidenze orbitali difficilmente spiegabili senza un oggetto in grado di perturbarne le tr...

Prossima diretta

Occhi al Cielo di Giugno 2018

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Gallery utenti

Partner

Peter Pan Onlus

International Physicist Network

Rigel Astronomia

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui