L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

AGN compatti: sembra una regola

Buchi neri supermassicci oscurati

Molte galassie, se non tutte, sono in possesso di un buco nero centrale supermassiccio e questo oggetto compatto a volte si attiva, risucchiando materia che si surriscalda fino a emettere in banda X e ultravioletta. Il materiale circostante assorbe e riemette la radiazione in spettro infrarosso. Si tratta delle Active Galactic Nuclei, le zone attive delle galassie. 

Uno dei problemi principali risiede nella difficoltà di distinguere il contributo radiativo della AGN rispetto a quello totale della galassia ospite, visto che anche le immagini più dettagliate di Hubble non riescono a porre un limite alle due componenti a causa dell'oscuramento dovuto alla polvere galattica. Nello spettro ottico, questi AGN oscurati sono molto deboli ma ne è stato trovato uno estremamente luminoso, con una luminosità di più di dieci miliardi di Soli. 

Francesca Civano e Stefano Marchesi del CfA hanno preparato un campione di 265 AGN per determinare, per ciascuno, il tasso tra emissione infrarossa dovuta alla polvere e l'emissione X osservata da Chandra, al fine di determinare il livello di "oscuramento". Maggiore è il tasso e maggiore è la presenza di blocchi da parte delle polveri. Il contributo delle altre stelle e degli altri processi è stato eliminato in maniera opportuna tramite codici numerici. Una volta ottenuto il valore infrarosso "puro", il team ha potuto stabilire quali AGN fossero in effetti oscurati, giungendo a un campione finale di 182 oggetti. 

Del campione è stata poi analizzata la debole radiazione ottica dalla zona nucleare tramite composizione di immagini, scoprendo che la regione centrale appare molto compatta in termini di dimensione angolare, più piccola di almeno due volte rispetto alla corrispondente regione delle galassie con formazione stellare. Gli AGN oscurati, quindi, sembrano soggetti a un processo di contrazione che potrebbe provenire dal gas freddo che fluisce verso il centro. 

La fonte è Monthly Notices of the Royal Astronomical Society

 


Forse potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:
23/05/2018 - Ancora su 3C 279, il burst gamma più potente - Un video su gentile concessione di Youtube per rappresentare il burst gamma più potente, proveniente dal blazar 3C 279...
26/03/2018 - Il buco nero che blocca la formazione stellare - Francesco Tombesi, ricercatore alla NASA e associato INAF, insieme al suo team di astrofisici, è riuscito a dare una spiegazione all'interruzione dell...
19/03/2018 - Follow up di ASASSN-14li - A fine 2014 un buco nero ha divorato una stella: osservazioni successive mostrano i dettagli della dinamica dell'evento distruttivo...
14/03/2018 - L'origine extragalattica di un FRB - Una serie numerosissima di strumenti utilizzata per ottenere il punto di partenza di un Fast Radio Burst osservato, per la prima volta, nel 2012. La s...
10/04/2018 - Terza onda gravitazionale per LIGO - Il 4 gennaio 2017 l'interferometro LIGO scova la terza onda gravitazionale: a determinarla, la fusione di due buchi neri per formarne uno di 49 masse ...
30/04/2018 - Il campo magnetico sul ponte delle Nubi - Per la prima volta, tramite analisi dei segnali radio di galassie di background, un team di astronomi è riuscito a provare l'esistenza di un presunto ...
25/04/2018 - Fusioni galattiche e morfologia - Riprendendo un articolo del 2014, una simulazione mostra come le fusioni galattiche non portino essenzialmente a galassie ellittiche. Dipende tutto da...

Prossima diretta

Occhi al Cielo di Giugno 2018

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Gallery utenti

Partner

Peter Pan Onlus

International Physicist Network

Rigel Astronomia

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui