L'ASTRONOMIA PER PASSIONE

  
  
  
Login  -  Registrati  -  Dimenticato i dati?

7 aprile 2017, Giove in opposizione

Il gigante gassoso in opposizione eliaca

Il pianeta GioveA tredici mesi di distanza dall'ultima miglior apparizione, Giove torna in opposizione eliaca il giorno 7 aprile 2017 alle ore 23:25. Una opposizione molto favorevole, con il pianeta molto alto e con una magnitudine pari a -2.5 Per i dati precisi fare riferimento alle effemeridi calcolate.

Perché si attende l'opposizione per vedere al meglio un pianeta? Le opposizioni (vedi la apposita pagina) sono quei punti orbitali di un corpo celeste per il quale, visto da Terra, ci appare dalla parte diametralmente opposta rispetto al Sole. La luce solare quindi lo bacia completamente e ci appare più brillante. Ma è anche il punto in cui il corpo celeste sorge al tramontare del Sole e tramonta al suo sorgere, quindi risulta visibile per tutta la notte.

Giove, in ultimo, è anche il pianeta più grande del Sistema Solare, paragonabile soltanto a Saturno compreso di anelli, il che lo rende sicuramente il pianeta in grado di offrirci i maggiori dettagli, sebbene si tratti di dettagli puramente atmosferici risultando un pianeta essenzialmente gassoso. Inutile ripetere qui quanto già detto per il pianeta Giove in termini di dati fisici e di caratteristiche, dati per i quali si rimanda alla apposita pagina del sito. Anche per quel che offre l'osservazione di Giove si è già detto in separata sede, quindi anche per questo aspetto si rimanda all'apposita pagina.

I tredici mesi che separano le opposizioni

Orbite durante l'opposizione

Ciò che interessa a noi per questa sera del 7 aprile è riconoscere Giove e verificare in quali condizioni osservative possiamo trovarlo. Innanzitutto si è parlato di tredici mesi di periodo sinodico, che rappresenta il periodo che intercorre prima che il corpo celeste si trovi in un punto orbitale uguale a quello di partenza. I tredici mesi sono dovuti essenzialmente al moto di rivoluzione terrestre, che dura dodici mesi. Durante questi dodici mesi, tuttavia, anche il pianeta Giove si è leggermente spostato quindi la Terra deve correre ancora un altro po' prima di raggiungerlo di nuovo. L'orbita di Giove si compie in dodici anni, quindi alla luce dei fatti in un anno terrestre giove ha coperto un dodicesimo della propria orbita, spazio che la Terra percorre invece in un mese. Dodici mesi di rivoluzione terrestre per tornare allo stesso punto di partenza più un altro mese per raggiungere Giove, ed ecco qua spiegati i tredici mesi che separano le opposizioni gioviane. 

Quel che da Terra appare come opposizione di Giove, del resto, da Giove appare come Terra in congiunzione eliaca.

Congiunzione Terra-Sole vista da Giove

Le condizioni del 2017

Per i pianeti il ruolo del chiarore indotto dalla Luna è irrilevante, quindi anche se la Luna è prossima al 90% non ci saranno ripercussioni. La costellazione di sfondo è rappresentata dalla Vergine, come evidenziato dalla mappa. Sicuramente riconoscibilissimo per il suo intenso brillare e per la luce fissa, molto diversa dalla luce scintillante delle puntiformi stelle. 

Scenario dell'opposizione

La situazione rappresentata fa riferimento alle ore 23.25. 

 

Cosa ci offrirà l'osservazione di Giove nella sera dell'opposizione? Un po' di dati per comprendere le conseguenze di una opposizione.

  • Il Sole sorge alle 06.43 e tramonta alle 19.42, con Giove che sorge alle 19.33 e tramonta alle 07, quindi una conseguenza della posizione è la visibilità del pianeta estesa a tutta la notte. 
  • Altra conseguenza è la misura dell'elongazione (distanza angolare dal Sole), che passerà da valori "Ovest" a valori "Est" scavallando i fatidici 180° (distanza dell'opposizione). 
  • La magnitudine del pianeta è di -2.5 e la sua distanza dalla Terra è di 4.45 UA, mentre dal Sole è di 5.45 UA (la differenza, guarda caso, è di 1 UA, vista proprio la posizione rispetto al Sole). 
  • Alle 20.30 inizia il transito dell'ombra di Ganimede, seguita dal satellite alle 20.41. I transiti terminano alle 22.42 (satellite) e alle 22.55 (ombra). La Grande Macchia Rossa transita alle ore 4.39. La simulazione in basso fa riferimento alle ore 22. Avete notato la piccola differenza tra gli orari di ombra e di satellite? Il motivo è sempre legato all'opposizione: il Sole è quasi di fronte a Giove, quindi l'ombra cade quasi a picco sul disco del pianeta. Per i calcoli dei PHEMU clicca qui.

Ombra di Ganimede e transito

Buona visione!


Prossima diretta

Da Zero a Oort p.5

Per i più piccoli

Astropillola

Cielo di oggi(Dettagli)

Sole
S: 07:28, T: 16:39
Distanza 0.98452 UA


Attività solare real time

Luna
S: 00:31, T: 13:15
Fase: 28% (Cal.)

PIANETI VISIBILI

Urano - Alt. 44.4°
Tramonta: 02:59Mappa

Nettuno - Alt. 39.9°
Tramonta: 23:14Mappa

Satelliti principali

ISS (ZARYA)
Accadde Oggi
  • (1972) - L'Apollo 17 sbarca sulla Valle di Taurus-Littrow
Gallery utenti

Partner

International Physicist Network

Media Sponsor

SIAMO IN DIRETTA

Da questo momento puoi accedere alla nostra diretta. Controlla il riquadro sulla destra per aggiungerti alla AstroChat.

ALERT ISS!

La Stazione Spaziale Internazionale sta passando nel cielo in questo momento. Per maggiori informazioni cliccare qui